Aprire un ristorante. Come, dove e perché avviare un ristorante. 4.63/5 (8)

Aprire un ristorante. Tutto quello che devi sapere.

aprire un ristorantePer aprire un ristorante servono delle capacità personali e professionali ben definite. Non dobbiamo sottovalutare l’impegno necessario all’ apertura di un ristorante. Noi italiani siamo famosi in tutto il mondo per la nostra cucina. Non a caso, la cucina mediterranea è stata eletta la migliore al mondo. Avendo una tradizione e un marchio solido in tutto il mondo, molti imprenditori italiani hanno rischiato e sono riusciti ad affermarsi professionalmente grazie alla cucina italiana.

Aprire un ristorante italiano, in Italia o all’ estero, è un’ impresa non indifferente. Capitale economico, capitale umano, strategia imprenditoriale e una grande passione sono alla base del successo. Visto il grande interesse all’ argomento, ho deciso di scrivere questo articolo per cercare di togliere qualche dubbio a tutti quelli intenzionati ad investire in un ristorante. Il dibattito è aperto e ognuno è invitato a riportare la propria esperienza.

Aprire un ristorante italiano: muovere i primi passi.

Il primo step per aprire un ristorante riguarda la scelta del luogo. In Italia o all’ estero, l’investimento per l’avvio è considerevole. Ecco perchè, prima di buttarsi nell’avventura imprenditoriale, si dovrà valutare attentamente la scelta del locale effettuando una ricerca di mercato. Per farlo, si dovrà valutare il numero dei ristoranti presenti in zona e la loro attrattiva con i locali. Inutile aprire un ristorante in un paese dove non ci sono nè turisti nè persone del luogo disposte a mangiare fuori. La presenza di altri ristoratori non deve spaventare, tutt’altro: se ci sono altri ristoranti significa che anche la richiesta è presente.

Dopo questa valutazione preliminare, è arrivato il momento di chiedere alle persone. Non esiste ricerca di mercato efficace senza il contatto diretto con le persone del luogo. Fai un questionario con domande tipo “Ami la cucina italiana?”, o “quante volte vai al ristorante?”. Le domande da fare sono molte e valuta le risposte. Chiedi quanto sono disposti a pagare per una cena, ecc ecc… Ti sembreranno domande stupide e superflue, ma non lo sono. Devi conoscere bene il territorio dove vuoi investire.

Alcuni paesi sono migliori di altri. Evita le zone dove delinquenza e povertà sono dilaganti. Evita zone solo turistiche. Il giusto mix per la giusta posizione è una città con abitanti stabili benestanti e un discreto numero di turisti. Esempio: Roma, Firenze, Bologna, Londra, Edimburgo, città americane sulla costa, Australia, Canada, Nord Europa. Personalmente eviterei zone come Caraibi, sudamerica ecc. Se scappiamo dall’ Italia meglio scegliere un paese con nulla criminalità e zero corruzione. Un paese dove aprire un’ azienda è questione di pochi euro e la garanzia della legalità è ovvia. In questi paesi il capitale richiesto è maggiore, però avremmo la certezza di non disperdere il capitale per colpa di truffatori senza scrupoli. Se dobbiamo fallire, meglio che sia per colpa del mercato e dei nostri sbagli piuttosto che di un raggiro.

Aprire un ristorante: come non spendere una fortuna.

Iniziare da zero costa parecchie migliaia di euro. Se non siamo molto esperti ma vogliamo comunque tentare di aprire un ristorante, la maniera migliore per non rischiare troppo denaro è quello di prendere in gestione un ristorante già avviato. Esistono molte attività che non vanno bene (avete mai visto la trasmissione di Gordon Ramsay o Antonino Cannavaciuolo?). Rilanciare un’ attività zoppicante è il modo giusto per iniziare nel mondo della ristorazione senza firmare mutui trentennali. Con la dovuta pazienza, sono sicuro che troverete la giusta occasione per voi.

Un altro modo per avviare la vostra attività nel mondo della ristorazione, senza spendere una fortuna , può essere l’avviamento di un servizio di ristorazione a domicilio. Il capitale necessario sarà assai meno consistente di quello necessario per l’apertura di un ristorante.

Aprire un ristorante: fattori da considerare.

Aprire un ristorante richiede impegno, determinazione e sacrificio. Come descritto in un precedente articolo, lavorare nei ristoranti comporta dei sacrifici. Lunghe ore lavorative, sforzo fisico e mentale, lavorare nei weekend e nelle feste programmate, costi di gestione difficili da gestire, problematiche con la clientela, problemi burocratici. Molti fattori che vi impegneranno a fondo e vi toglieranno il sonno. Inoltre, l’incertezza di coprire le spese e del corretto sviluppo dell’ attività sono fattori che non hanno un esito stabilito a priori.

Il successo o l’insuccesso del ristorante sarà determinato in primis da voi stessi e dalla vostra professionalità. Non potete improvvisare. Se volete avere un ristorante di successo, dovrete seguire delle pratiche che nel lungo termine vi ripagheranno.

Aprire un ristorante: i segreti del successo.

La migliore pubblicità per un ristorante è il passaparola. Con l’avvento di internet e Trip Advisor non potete nascondere niente. Siete una vetrina aperta e i commenti dei clienti saranno la chiave del vostro futuro. Ingnorateli e chiuderete presto bottega. Se volete avere un ristorante di successo dovete, senza scorciatoie, seguire i seguenti suggerimenti:

1.Freschezza dei prodotti;

Inutile girarci intorno. Da prodotti scadenti salgono piatti scadenti. Non per questo dovete usare prodotti di lusso. Potete creare piatti eccellenti con materie povere, ma di altissima qualità. Meglio un’ alice fresca che un gambero congelato.

2.Igiene;

Inutile descrivere l’importanza della pulizia e dell’igiene in un ristorante. In sala come in cucina.

3.Qualità del personale;

Se credete che risparmiare sul personale vi porti lontano, state sbagliando strada. Non servono chef a tre stelle michelin, ma neanche ragazzi senza esperienza e con poca voglia di lavorare. Pagate il personale come dovreste, e chiedete in cambio professionalità e correttezza.

4.Giusto rapporto qualità prezzo;

Nè troppo caro, nè troppo economico. Valutate i costi e ricarite un giusto profitto.

5.Simpatia;

Sorridete e chiedete ai vostri camerieri di fare altrettanto. In questo mestiere, se non siete capaci di stare al pubblico, ammettelo a voi stessi e cambiate lavoro.

6.Flessibilità;

Evitate regole ferree, siate accondiscenti (ma non troppo) con le richieste ragionevoli che vi verranno sottoposte.

7.Menù non troppo abbondanti;

Troppa varietà di scelta, oltre a confondere il cliente, vi costringerà a rinunciare alla qualità dei prodotti. Meglio poco ma buono. E ogni mese cambiate tipologia di piatti.

8.Attività collaterali;

Organizzate corsi di cucina gratuiti, intrattenete il pubblico con spettacoli vari, create delle lotterie con in premio cena gratuita al locale ecc.. Coinvolgete la clientela con attività che renderanno piacevole il ritorno nel vostro locale.

Le regole per aprire un ristorante di successo sono poche ma chiare: inutile investire milioni in pubblicità quando il cliente non ritornerà. Create i pressuposti per avere un cliente soddisfatto e il passaparola riempierà il vostro locale. Dovete solo aspettare ed avere un pò di pazienza; i primi tempi saranno duri ma con il giusto impegno e passione, il vostro ristorante sarà un successo. Sei daccordo?

Se vuoi  rimanere in contatto con il blog Aprire Azienda puoi farlo sulla pagina facebook. Grazie per il supporto.

Forse vi interessa anche:

Se ti è piaciuto l'articolo, metti le 5 stelline

10 Comments

  1. salvatore Giu 1, 2014
    • Alessandro Nicoletti Giu 3, 2014
  2. roberto Giu 20, 2014
  3. Davide Marciano Ott 14, 2015
  4. Rosalia Mag 5, 2016
  5. Antonio Giu 21, 2016
  6. Emiliano Lemma Nov 14, 2016

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *