Come aprire un microbirrificio di birra artigianale in Italia 4.93/5 (14)

Data la mia passione per la scrittura, per la ricerca e soprattutto per la buona birra artigianale, ho scovato tutta la procedura per avviare un micro birrificio italiano per reinventarsi in tempo di crisi.

Per questo motivo sono lieto di darti il benvenuto sulla guida gratuita di Aprire Azienda intitolata “Come aprire un microbirrificio di birra artigianale in Italia”.

Come tutti gli articoli del blog, anche questo è abbastanza lungo e pieno di riferimenti, se vai di fretta salvalo sui preferiti e ritorna con più calma.

Le cifre fornite sono aggiornate al gennaio 2015 e comunque suscettibili ad errori statistici anche se le fonti sono sempre autorevoli.

Prima di vedere gli step per avviare un birrificio in Italia, voglio descrivere il recente sviluppo della produzione di birra artigianale italiana.

Infatti, quando pensiamo alla birra, subito il pensiero vola verso la Germania, il Belgio, l’Inghilterra e la Repubblica Ceca dimenticandoci che in Italia vengono consumati circa 17 milioni di ettolitri l’anno di birra (fonte Asso Birra).

In Italia esistono 16 impianti industriali e circa 500 microbirrifici, di cui 300 nati solamente negli ultimi 3 anni.

Nonostante il consumo italiano sembrerebbe elevato, siamo una delle ultime nazioni in europa insieme alla Francia per consumo pro capite. Nonostante la modernità, rimaniamo una nazione prevalentemente vinicola.

La % maggiore di birra consumata è birra industriale a basso costo oppure importata dall’estero. La fetta di mercato occupata dai microbirrifici artigianali è poco chiara; alcune stime la danno in cifre intorno al 5-10 % di tutto il consumo nazionale. A te i calcoli.

Per definirsi microbirrificio, la produzione non deve superare i 10.000 hl l’anno.

Oltre alla miriade dei piccoli impianti, ci sono una serie di grandi birrifici artigianali, presenti soprattutto al nord, che possono vantare una presenza ormai ventennale sul suolo italiano. Essendo stati dei pionieri, giustamente dominano una larga fetta di mercato con successo e profitto.

Ho voluto iniziare questo capitolo elencando brevemente il panorama italiano della birra artigianale per dare un quadro oggettivo della situazione.

Aprire un birrificio oggi in Italia non è un’operazione semplice da prendere sotto gamba perché i costi d’avvio, la concorrenza e soprattutto la noncuranza delle istituzioni per questo comparto, fanno sì che la scelta di avviare un microbirrificio deve essere pensata senza facili entusiasmi.

Specialmente preoccupante la scelta del governo di aumentare vergognosamente l’accisa sulla birra senza considerare che questa ingiusta tassa farà diminuire l’occupazione nel settore e la competitività con l’estero.

Nonostante i problemi qui elencati, un gruppo di amici appassionati può dare vita ad un sogno se eseguito con determinazione e competenza. Augurandomi di poter essere di aiuto, passiamo dalle parole all’azione vera e propria.

Competenze da avere prima di creare un microbirrificio

come aprire un microbirrificioLa passione per la birra artigianale da sola non è sufficiente per aprire un microbirrificio e avere successo. L’entusiasmo è bello ma, unito alla fretta, è il nemico numero uno dell’imprenditore di successo.

Dati costi d’avvio, la concorrenza sul mercato e la difficoltà di far conoscere il proprio marchio nei primi anni di attività, il consiglio è di iniziare la creazione del proprio birrificio come secondo lavoro.

Non è un mistero che una considerevole parte dei microbirrifici nati in Italia sono nati come attività parallela.

Molti aspiranti birrai hanno fatto gruppo, hanno condiviso il lavoro tra soci e hanno continuato la propria vita senza colpi di scena eclatanti.

In questa sede, tranne che per alcuni casi particolari, sconsiglio di mollare tutto per aprire un birrificio, specialmente se non hai esperienze tangibili nella produzione di birra.

Molti birrai tendono a sottovalutare la difficoltà nel creare una birra artigianale di qualità credendo che basti fare la birra in casa un paio di mesi per sentirsi pronti all’avventura imprenditoriale.

Purtroppo non è così semplice perché il mercato italiano è già  pieno di ottimi professionisti formati e competenti.

Per questo motivo, una buona strategia è frequentare un corso professionale per mastro birrai.

In Italia, il Cerb (Centro di Eccellenza per la Ricerca sulla Birra) organizza periodicamente corsi di formazione per diventare birrai. L’Università di Perugia inoltre organizza un master universitario vero e proprio denominato “Tecnologia birraie” della durata di un anno.

Se vuoi una formazione estera, la Germania è il paese di riferimento dove la figura del mastro birraio è regolamentata per legge. Per informazioni, consulta il sito VLB.

Se sei interessato ad aprire un birrificio, sicuramente sarai già un homebrewer esperto. In questo caso, ti consiglio di leggere birrapertutti, il blog più completo del web per fare la birra in casa.

Tipologie di birrificio

Prima di passare al lato pratico della creazione del business, vediamo ora le principali tipologie di birrificio.

  • Birrificio industriale;

Il birrificio industriale è un’industria vera e propria dove la qualità della birra è un aspetto secondario perché il prezzo esiguo fa sì che la clientela target non ricerchi particolari emozioni gustative. E di certo non è lo scopo di questo articolo.

  • Birrificio artigianale;

I birrifici artigianali sono birrifici con produzione superiore ai 10.000 hl l’anno ma la produzione rimane prettamente artigianale e di qualità. In Italia ci sono diversi birrifici di questa tipologia e sono essenzialmente i pionieri del mercato italiano della birra artigianale.

  • Microbirrificio;

Probabilmente questa tipologia commerciale, insieme forse al brewpub, sarà la tua scelta anche perchè è la più facile da avviare.

  • Birrificio agricolo;

Se hai un’azienda agricola avviata, non hai nessun motivo per non avviare una produzione parallela di birra agricola. Il patto? Dover produrre almeno il 51% dell’orzo necessario direttamente. Il malto prodotto verrai poi maltificato da una malteria specializzata in Italia. I birrifici agricoli hanno alcuni vantaggi fiscali rispetto al normale microbirrificio.

  • Brewpub;

Questa è forse la formula più interessante dal punto di vista imprenditoriale. Il brewpub è un locale che serve la birra auto prodotta direttamente ai clienti senza dover passare ai distributori o ad altri locali. Il brewpub può associare alla somministrazione di birra anche il cibo e il divertimento.

Pratiche burocratiche per aprire un birrificio

Alla fine dell’articolo, trovi un video  semplificativo della Camera di Commercio di Milano con le varie adempienze burocratiche per avviare un microbirrificio.

Il primo passo per realizzare il tuo progetto è la redazione del business plan. La fase progettuale è fondamentale per avere un quadro completo della situazione ma da solo non basta. Devi testare il mercato direttamente.

Per farlo, ti consiglio una strategia derivante dalle migliori menti imprenditoriali americane: il test market di un prodotto che non esiste ancora. Attento, non sto minando la tua credibilità, ti indico semplicemente un modello che funziona senza buttare soldi.

In pratica funziona con tutti i tipi di attività: crea un sito vetrina con i prodotti che vorrai promuovere e inizia a venderli come se esistessero già con un campione di potenziali clienti. Se nessuno è interessato allora c’è qualcosa da correggere nelle tua strategia.

Se la ricerca di mercato è andata a buon fine e il business plan è pronto, il secondo passo è trovare un locale adatto alla produzione e magari alla vendita. In periodo di crisi i locali disponibili sono numerosi e facili da trovare.

All’interno del gruppo di imprenditori, ci deve essere una figura che possiede il certificato di somministrazione alimenti e bevande rilasciato solitamente dalle regioni.

Un altro ufficio da contattare è l’ agenzia delle dogane-ufficio tecnico finanze perché responsabile delle accise sull’alcol.

Dal punto di vista fiscale, la ComUnica è la dichiarazione unica per la dichiarazione di inizio attività. Una volta avviata l’attività, aspettati la temuta visita dell’Asl per l’idoneità dell’attrezzatura e dei locali. Se rispetti la normativa vigente, puoi dormire sonni tranquilli.

Quanto costa aprire un microbirrificio

Dare una stima precisa complessiva dei costi è pressoché impossibile perché il costo dipende soprattutto dalla zona di avvio, dal tipo di birrificio, dalla capacità produttiva e dagli obiettivi dell’imprenditore.

Lo studio dei costi è alla base di un buon business plan e della corretta pianificazione dell’attività. Falla bene e non cercare notizie qua e là sul web, impiega il dovuto tempo alla realizzazione di un piano operativo concreto.

Tuttavia, nonostante la pianificazione è utile, tieni presente che il rischio imprenditoriale è impossibile da eliminare del tutto.  Investi una somma che ti puoi permettere di perdere senza distruggere la tua vita privata.

In linea generale, per quantificare i costi, devi considerare queste categorie di spese:

  • Amministrazione;

Le pratiche d’avvio, la burocrazia, il commercialista, l’allacciamento dei servizi ed eventuali corsi di formazione. Puoi quantificare il tutto su circa 5000 euro.

  • Produzione;

Questa voce è sicuramente la spesa di bilancio maggiore ma anche qui la possibilità di spesa è altamente variabile. Un impianto nuovo da circa 150 l chiavi in mano parte da un prezzo base di 80.000 euro ma puoi ridurre altamente il costo se hai le capacità tecniche per realizzare parti dell’impianto in autonomia.

In alternativa puoi optare per un impianto usato: molti birrifici, vedendosi aumentare le richieste, vendono impianti usati anche per somme intorno ai 30.000 euro. Un buon modo per trovare queste occasioni è frequentare assiduamente le associazioni e le manifestazioni legate alla birra artigianale italiana.

Alcune fasi della produzione, come ad esempio l’imbottigliamento, puoi coprirle senza automazioni per i primissimi tempi per rateizzare la spesa.

  • Marketing;

Puoi fare la birra più buona al mondo, ma se nessuno la conosce, puoi dire addio ai tuoi guadagni. Io credo che questa sia forse la parte più dispendiosa di tutta l’attività.

Le attrezzature per fare la birra una volta acquistate sono tue e hanno sempre comunque un buon mercato, differente è il discorso promozionale e di ritorno dell’investimento.

Le campagne pubblicitarie buone costano e non sempre portano i risultati sperati. Vedremo insieme nel capitolo successivo quali strategie a mio avviso funzionano meglio.

Strategie per un microbirrificio di successo

Se aprivi un microbirrificio 10 anni fa, probabilmente ora saresti ricco e felice. La concorrenza era inesistente, le tasse minori e i sbocchi di mercato più ampi. Ora, nel 2015, le cose sono leggermente più complicate. Ma questo non significa certo che sia impossibile, anzi.

Il primo consiglio che mi sento di dare è ideare l’attività con l’obiettivo di vendere direttamente al cliente in un punto vendita che possibilmente sia anche un locale dove somministrare cibo e divertimento. Un brewpub insomma.

Ti dico questo perché avere un locale frequentato e innovativo è il miglior strumento promozionale per la tua birra e ti garantisce un’entrata parallela alla distribuzione.

Considera inoltre il prezzo finale maggiore e il pagamento immediato da parte del cliente. Se vendi solamente ad altre attività, quali distributori e locali, la tua forza decisionale è praticamente nulla. Non hai controllo diretto del tuo business.

Osservando la realtà che mi circonda, sono ancora veramente pochi i brewpub carini con una bella atmosfera e del buon cibo collegato alla birra artigianale italiana. Questo settore può e deve svilupparsi, e sono certo che lo farà.

Il locale per avere successo deve osare, più che un buon pub devi far vivere un’esperienza al cliente senza mai dimenticare qualità e cortesia.

Il locale di vendita diretta è un’occasione unica per promuovere il tuo brand con la clientela.

Come aprire un microbirrificio: considerazioni finali

In questo articolo ho cercato di fare una panoramica generale del mondo della birra italiana.  Spero di averti motivato ad inseguire il sogno di una vita senza perdere il pragmatismo necessario alla realizzazione di un’attività imprenditoriale.

La creazione di un business redditizio è difficile perché servono delle qualità personali ed economiche non indifferenti e purtroppo alcuni mass media non aiutano nella comprensione, focalizzando troppo gli aspetti positivi piuttosto che quelli negativi.

Ti voglio ricordare ancora una volta che il rischio imprenditoriale è impossibile da annullare e la sola passione non basta. La competenza, la professionalità e soprattutto la capacità di non mollare mai sono risorse essenziali per l’aspirante imprenditore.

Se l’approccio di Aprire Azienda è anche il tuo, dimmelo nei commenti, iscriviti alla newsletter e iscriviti ai canali social senza dimenticare il gruppo facebook.

Prima di salutarci, guarda il video della Camera di Commercio di Milano su come aprire un microbirrificio.

Se ti è piaciuto l'articolo, metti le 5 stelline

7 Comments

  1. Davide Marciano Gen 28, 2015
  2. BlogLavoro.com Mar 11, 2016
    • Alessandro Mar 14, 2016
  3. maurizio Mar 12, 2016
    • Alessandro Mar 14, 2016
  4. Luca Lug 11, 2016

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *