Come essere felici nella vita: scegli il lavoro che ami. 5/5 (1)

Con gioia ti presento la guida “come essere felici nella vita”: in un mondo piegato alle violenze e alle ingiustizie, abbiamo bisogno di esempi positivi, di certezze e soprattutto di felicità.

Per questo motivo, con estremo piacere ti presento un articolo dedicato alla felicità e al mondo del lavoro.

Sappiamo molto bene di passare la quasi totalità della nostra vita al lavoro, trovarne uno che ci appaghi è necessario per vivere una vita felice.

L’articolo di oggi è un guest post di Giacomo Papasidero, autore di diventarefelici.it.

Data la qualità dell’articolo, mi sarebbe piaciuto averlo scritto io ma così non è: quando iniziai la mia avventura da blogger, non mi sarei certo aspettato di ricevere articoli così articolati e approfonditi.

Lascio la parola a Giacomo, buona lettura!!!

Essere felici di lavorare: come trasformare la tua vita

come essere felici nella vitaChe lavorare sia necessario non lo mette in dubbio nessuno. Che si debba coltivare la propria passione e farne un lavoro, ancora non sono tutti convinti, anzi.

Io credo che inventarsi un lavoro e diventare imprenditori sia una scelta fantastica, soprattutto oggi che si hanno enormi possibilità di farlo a costi anche molto contenuti e che raggiungere le persone a cui interessa ciò che facciamo è diventato davvero più semplice.

Quanto conta il nostro lavoro sulla nostra felicità? Io ho lavorato negli ultimi anni come mental coach e aiutare le persone a essere felici è stato sempre il mio desiderio, sin dal primo giorno.

La mia esperienza personale e professionale mi hanno portato a individuare 6 elementi indispensabili, ma semplici, per essere felici:

1. Eliminare le emozioni negative dalla nostra vita, quelle che ci paralizzano.

2. Avere uno scopo, una missione che portiamo avanti con il nostro lavoro.

3. Cercare sempre il lato positivo delle cose.

4. Accettare senza paura la realtà, fiduciosi nel futuro.

5. Agire con amore, sempre e comunque.

6. Sentirci parte di un disegno più grande, capire che siamo qui per un motivo ben preciso.

Il secondo punto è davvero quello di cui stiamo parlando adesso: far sì che il nostro lavoro ci permetta di realizzare una missione, di cambiare le cose.

Ho capito una cosa: tutti vogliamo essere felici. Tu non vuoi stare bene, provare emozioni positive, trascorrere una vita serena? Bene, anche io!

Questa è la felicità che cerchiamo.

Se vuoi arrivare a questo obiettivo, il tuo lavoro avrà una parte importante, anzi fondamentale. Non ti sto a ricordare quante energie e tempo gli dedichiamo, specie se ne siamo i diretti responsabili.

Che senso ha dedicare tanto a qualcosa che per noi non ha significato? Se vuoi essere un imprenditore felice, devi seguire sempre 3 semplici regole nel lavoro:

1. Fai un lavoro che ami, qualcosa che ti dia entusiasmo e passione.

2. Fai un lavoro che sia utile agli altri, che faccia bene a chi ti circonda, che cambi il mondo, anche nel tuo piccolo.

3. Fai un lavoro che ti dia gioia a prescindere da qualsiasi risultato otterrai.

Il segreto è la passione. Devi vivere il tuo lavoro con gioia ed entusiasmo. Fregatene dei risultati, non pensare solo a quelli, concentrati su cosa fai, su come lo fai, e mettici tutta l’energia, la vitalità e la gioia del mondo.

Lo so, starai storcendo il naso di fronte a un’affermazione del genere: fregatene dei risultati. Cavolo, sei un imprenditore, uno di quelli che sta iniziando a diventare indipendente e tutti ti hanno insegnato quanto siano fondamentali i risultati: numeri, obiettivi, misurazione.

Certo, non ti sto dicendo che non contano, ma di vederli con occhio differente. Ti faccio due esempi.

C’è un ragazzo iscritto all’università che sta preparando il suo prossimo esame. Questa materia gli piace proprio, lo appassiona e studiarla è un piacere.

A lui, del voto, non gli frega nulla.

Studia senza doversi imporre orari, anzi, spesso cerca con Google altre informazioni, guarda video su Youtube realizzati da altri professori e legge altri libri che non gli sono richiesti, perché ne vuole sapere di più.

Poi c’è un altro studente che prepara la stessa materia, ma a lui non piace, gli sta proprio qui!

Deve costringersi a studiare, si chiude in casa staccando il cellulare per non distrarsi, non la sopporta e sa già che le ultime due settimane studierà notte e giorno per ficcarsi in testa quella roba che proprio non riesce a ricordare. In più ha paura del professore e teme di prendere un brutto voto.

Chi dei due pensi che andrà meglio all’esame? Ma soprattutto, chi dei due pensi che vivrà meglio la sua vita mentre lo prepara? Chi starà bene e si divertirà durante questa fase?

Aspetta, ho il secondo esempio.

Un atleta si sta allenando per le Olimpiadi. Vuole la medaglia d’oro. Il suo coach lo sferza tutti i giorni e lui è ossessionato dal titolo e dal record del mondo. Vuole vincere. Ci pensa mentre corre, sempre sotto tensione e se pensa alla gara, sente già le palpitazioni.

Nello stesso periodo anche un altro ragazzo si prepara con il suo coach a correre per l’oro olimpico. E vuole vincere.

Per lui, però, correre è una gioia. Si diverte e gli piace da morire. I tempi con il suo allenatore li prendono una o due volte al giorno, per il resto lavorano senza stress, con calma, e a lui importa solo di rilassarsi mentre corre, di sentirsi veloce come il vento, libero.

Secondo te, vincerà il primo atleta, super stressato, o il secondo, rilassato e concentrato?

Lo so, non è detto che finisca così, ma osserva la cosa più importante: puoi vivere con gioia il tuo lavoro, senza stress.

Forse il secondo atleta non vincerà l’oro, arriverà magari secondo o terzo. Terzo alle Olimpiadi, hai letto bene? E come? Senza stress, ma con entusiasmo, perché gli piace fare quello che fa.

Il segreto dei campioni è la passione, la capacità di vivere con gioia quello che fanno. Se vuoi davvero ottenere grandi risultati nel tuo lavoro, non pensarci troppo.

Fai programmi, creati un piano, preparati al meglio e organizza bene tutto, ma poi lascia stara il resto, fai quello che ti piace, fallo con gioia. Arriva al punto di trovare entusiasmo e serenità perché lavori, non perché hai ottenuto quel risultato o quell’altro.

Il bello è che quando smetti di farti ossessionare dagli obiettivi e pensi solo a goderti il lavoro, li raggiungi meglio e con più facilità.

Devi essere la persona più felice del mondo non quando hai vinto, ma mentre giochi. Impara a mettere passione in quel che fai e pensa solo a cosa stai facendo. Devi essere felice di farlo, fregatene dei risultati. Se ami quello che fai, arriveranno.

Per questo è fondamentale seguire 3 semplici regole: fai un lavoro che ami davvero, che sia utile e che ti faccia stare bene per il solo motivo di svolgerlo. Non per altro.

Non confondere la soddisfazione di un obiettivo, per quanto importante, con la gioia che ti darà percorrere la strada che hai scelto, che è davvero la cosa che conta di più.

Se il tuo lavoro risponde a queste 3 semplici regole sarai felice, e con un po’ di buon senso e competenza in quello che fai, arriverai anche dove desideri.

Puoi continuare a vivere il tuo lavoro come un obbligo, una condanna necessaria per vivere. Sarai in ottima compagnia, visto che questa è purtroppo la visione predominante. Oppure, da ora, potrai finalmente capire che lavorare può essere meraviglioso, entusiasmante e può darti davvero una marcia in più. La passione, ricordalo, farà la differenza. Metti amore in quello che fai, e vedrai che sarà sempre sulla buona strada per vivere felice.

Ecco come iniziare:

1. Identifica subito la tua passione.

Pensa a quello che ami fare, alle cose che non ti pesano ma anzi ti entusiasmano.
Se ci pensi bene, tutti abbiamo delle attività che amiamo: finiamo di lavorare e sebbene stanchi, quando ci dedichiamo a cosa ci piace davvero, abbiamo forza ed energia. Cerca proprio questo genere di passioni quelle per cui non senti fatica, per cui hai sempre tempo anche quando l’agenda scoppia di impegni, quelle che non sanno cosa siano i sabato sera, le feste, o la pensione.

2. Pensa a cosa faresti gratuitamente, per tutta la vita.

Immagina quale sarebbe l’attività che potresti fare in modo assolutamente gratuito. Cosa ti piacerebbe al punto da fregartene altamente di quanto ci guadagni. Non dico che i soldi non servano, ma se scegli un lavoro che svolgeresti anche gratis, hai centrato il punto. Se lo faresti gratis vuol dire che non è il denaro a motivarti, ma davvero la passione.

Pensa anche al fatto di vederti fra 10 anni a fare questo lavoro. Come ti immagini? Entusiasta e felice di quello che stai facendo e del contributo che dai? O stanco e stufo di questa routine?

Nel primo caso, forse, non hai davvero trovato la strada che fa per te. A volte alcune attività sono piacevoli e divertenti, ma non ci metteresti la firma a farle per anni e anni. Tu cera qualcosa che ti faccia saltare giù dal letto ogni mattina e che vorresti fare anche fra 10 anni, con lo stesso entusiasmo.

3. Il tuo lavoro, la tua passione, cambierà la vita degli altri rendendola migliore?

Non accontentarti di fare qualcosa di piacevole, cerca il modo per fare la differenza. Immagina di dover lasciare un’eredità in questo mondo, perché è proprio quello che accade. La tua presenza, il tuo impegno e ogni ora del tuo lavoro quotidiano, renderanno questo posto migliore?

Ci saranno persone che ti ricorderanno con gioia perché hai inciso nella loro vita? Cerca di capire se la tua passione è davvero una missione che farà la differenza, datti uno scopo, sii importante e prezioso per gli altri.

4. Non avere fretta.

Ho imparato negli anni che quando devi iniziare il tempo per decidere cosa fare non è mai troppo. Se vuoi costruire una casa non inizi a gettare le fondamenta prima di avere un progetto finito. Eppure spesso ci lanciamo in attività e progetti senza nemmeno averli ponderati e compresi bene.

Il segreto del successo sta nel trovare la tua passione, identificare cosa risponde alle 3 caratteristiche che ti ho mostrato, ponendoti le domande che ti ho suggerito adesso. Prenditi tutto il tempo che ti serve e costruisci un’idea che sia solida, tua, appassionante e abbia un senso per la tua vita.

Incontrerai un sacco di difficoltà, i risultati, specie all’inizio, non ti pioveranno addosso, molti non ti aiuteranno e dovrai faticare.

Solo se sarà la passione a guidarti, solo se la scelta l’hai presa perché ci credi davvero e non perché è conveniente o molto redditizia, avrai successo e, soprattutto, sarai felice.

A me piace sempre distinguere la soddisfazione dalla felicità. Sei soddisfatto quando ottieni qualcosa che desideri, e dura poco perché c’è sempre un nuovo obiettivo da ottenere. Sei felice quando stai bene a prescindere da tutto e tutti, non per qualcosa, ma perché è la tua natura.

Questa è la felicità che alleno, che non ha fine e che dura sempre, anche se stiamo vivendo difficoltà e problemi.

Questa è la felicità che ti invito a costruire dentro di te che ti farà vivere una vita meravigliosa e ottenere sempre i risultati migliori.

Trasformare le tue passioni in un lavoro e far si che sia quel che fai a darti gioia e non semplicemente i risultati che ottieni è un passaggio importante, ma ricorda cosa ti ho mostrato all’inizio: ci sono altri 5 segreti per essere felice.

Il lavoro è uno dei primi passi dal momento che ci assorbe tantissime energie, ma non trascurare gli altri perché sono ancora più importanti.

Grazie mille Giacomo!!!

Come essere felici nella vita: considerazioni finali

Come autore di un blog che non crede al destino ma solamente al duro lavoro, non posso che non essere daccordo al 100% con l’articolo di Giacomo.

Dovremmo credere in noi stessi e nelle nostre capacità, dovremmo uscire di casa e andare a conquistarci quello che vogliamo.

Molti non credono ad una vita in linea con le proprie passioni, io invece sono certo che con il duro lavoro è possibile scalare le montagne più alte.

Certo, servono pazienza, competenza e determinazione, ma con lo studio applicato niente è impossibile. Se, come dice Giacomo, fai un lavoro che faresti anche gratis, allora sei sulla buona strada.

Nella speranza che gli articoli ospitati su Aprire Azienda sia di tuo gradimento, spero vorrai iscriverti alla newsletter e alla pagina facebook.

Non dimenticare di condividere l’articolo con i tuoi amici e di continuare a seguire Aprire Azienda e il blog diventarefelici.it di Giacomo. Non te ne pentirai.

Alessandro

Se ti è piaciuto l'articolo, metti le 5 stelline

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *