Come fare un blog di successo per la tua attività commerciale 5/5 (1)

Benvenuto sul nuovo articolo “come fare un blog di successo“.

Se sei un lettore abituale di Aprire Azienda sai bene che questo sito non si occupa di SEO, creazione siti, codici, plugin ecc.

Il motivo è molto semplice: esistono già decine e decine di siti utilissimi fatti da persone molto più brave e tecniche di me.

Inoltre, se devo dirti la verità, non sono un grande appassionato del lato tecnico dei blog, di wordpress e dei vari plugin.

Tuttavia, dopo due anni e mezzo di blogging e di auto-apprendimento qualcosina l’ho imparato.

Il blog che vedi di fronte a te comunque l’ho fatto tutto da solo seguendo le varie risorse (italiane ed inglesi) trovate in rete.

I temi centrali di Aprire Azienda sono mettersi in proprio, aprire un’attività all’estero, inventarsi un  lavoro ed emigrare all’estero.

Scrivo di questo perchè amo scrivere, comunicare ed aiutare gli altri.

Tuttavia, ho deciso di scrivere questo articolo intitolato “come fare un blog di successo” perchè per aprire una qualsiasi attività imprenditoriale devi conoscere le basi per  attirare i tuoi nuovi clienti.ù

Il blog è lo strumento migliore per intercettare l’interesse di potenziali clienti verso la tua attività, online e offline. La bellezza del blog infatti è la sua versalità e potenzialità nel raggiungere un vasto pubblico.

Qualsiasi sia il tuo scopo, avere un blog è il primo passo fondamentale per incrementare le proprie entrate.

Leggi anche: come aprire un blog

Come fare un blog di successo e aumentare le vendite

come fare un blog di successoOltre al classico e sempre valido passaparola (il miglior strumento di marketing di sempre), uno dei più validi metodi di pubblicità è creare un blog molto frequentato.

Sia che tu sia un gestore di ristorante, un proprietario di agriturismo o un commerciante al dettaglio, se impari a gestire un blog vedrai i tuoi guadagni diretti e indiretti guadagnare.

Questo perchè il tuo blog sarà uno dei modi per far conoscere te e la tua attività. Nel mondo moderno essere presenti online è essenziale.

Certo, se gestisci un’attività storica del tuo paese forse il blog è uno strumento superfluo, ma se decidi di iniziare una nuova attività devi metterti il cuore in pace e iniziare a capire come usare il blog come strumento di marketing.

Tranquillo, non è poi cosi difficile se leggi tutta questa guida.

Leggi anche: miglior hosting provider per WordPress

Come fare un blog di successo: quando l’idea incontra la passione

Hai finalmente deciso di utilizzare il blog per crearti un canale di marketing per la tua attività.

Ovviamente do per sottointeso che la tua attività coincida con la tua passione.

Se così non fosse, saremo di fronte ad un grosso problema. Tranquillo che comunque lo possiamo risolvere insieme, e ti dirò come fare.

I tempi dove bastavano inserire qualche articolo quà e là, e inserire dei backlink sono finiti (per fortuna).

Google, con i suoi continui aggiornamenti al suo algoritmo, prova a fornire al lettore i migliori contenuti sul web.

Molta strada deve ancora essere fatta dai motori di ricerca ma almeno la strada intrapresa sembra quella corretta.

Tutto ciò significa che, per avere un numero sufficiente di visitatori da ottenere un vantaggio economico per la tua attività (online e/o offline fa poca differenza), devi scrivere una notevole quantità di articoli lunghi (si parla di minimo 1000 parole), utili per chi legge e soprattutto pieni di risorse applicabili.

Questa serie di post (parliamo di un minimo di 100 articoli da 1000 parole su una specifica tematica) dovranno essere scritti per forza di cose da un blogger appassionato della tematica.

Se tu mi chiedi di scrivere anche solo due paragrafi sulla vita dei vip stai fresco: tempo mezzora e tiro il pc dalla finestra.

Ecco perchè l’idea business deve incontrare la tua passione: devi amare quello che fai altrimenti 100 volte meglio lavorare per conto di qualcuno.

Fai le tue otto ore e via, lasci tutti i problemi all’esterno.

Se invece decidi di prendere in mano la tua vita diventando un imprenditore, anche se la tua idea sembra facile da realizzare, devi amarla profondamente.

Per creare un blog di successo devi spendere almeno un anno (o forse più chi può dirlo) nell’oscurità e nell’incertezza.

La sola cosa che ti guiderà sarà l’amore per quello che fai.

E se l’attività l’hai ereditata, oppure ti ci sei trovato in mezzo e comunque devi portarla avanti nonostante tutto?

Il mio consiglio è: assumi un ragazzo freelance che costruisca i contenuti per te (ce ne sono moltissimi e bravissimi in giro per la rete).

Ti dico questo perchè è molto meglio contrattare un professionista che sprecare un anno della tua vita a sfornare articoli di blog dove la passione non viene fuori.

La gente lo nota e non comprerà da te e non verrà nel tuo ristorante a mangiare, o nel tuo negozio a comprare la t-shirt.

Il blog ha bisogno di facce

Con l’avvento del web 2.0, lo sviluppo esponenziale dei social network e la nascita di CSM facili da usare (wordpress e blogger su tutti) aprire un blog è veramente facile ed immediato.

Ahah scherzavo.

Si lo so è vero che comprare un dominio, lo spazio sul server e installare wordpress con un semplice clic è facile e veloce, puoi fare tutto in un’ora al massimo, ma l’articolo è intitolato “come fare un blog di successo”, non “come aprire un blog e fare un fiasco”.

La differenza tra un blog qualsiasi e un blog di successo non la fa una forza misteriosa venuta dall’alto, non la fa i misteriosi segreti dell’algoritmo di Google, la differenza la fai tu e solamente tu.

Questo significa che devi essere pronto ad investire in formazione. E informarsi costa in termini di tempo e denaro.

Solamente un blogger informato delle ultime strategie di marketing, degli ultimi software, delle strategie di scrittura, può ambire ad un risultato discreto.

E non sto parlando di 100.000 visitatori al giorno che ti fanno guadagnare 200 euro quotidiani con i banner pubblicitari.

Sto parlando del raggiungimento di un gruppo medio di 200 lettori giornalieri fidelizzati che si fidano di te e della tua persona.

Per fare ciò devi metterci innanzitutto la faccia.

Vai sulla mia pagina chi sono.

Io ti ho parlato di me, ti ho raccontato chi sono, dove vivo, cosa ho fatto e cosa farò. Se sei una persona timida e legittimamente vuoi tutelare la tua privacy, bè forse meglio non iniziare affatto un blog come strumento di marketing.

Io non compro mai niente sui blog senza una faccia dietro.

E infatti, molte volte, chi non si presenta non fornisce dei servizi o prodotti validi. Se ti nascondi dietro allo schermo come faccio a fidarmi dei tuoi prodotti me lo spieghi?

Io infatti non  mi fido e compro solamente dai blogger che parlano di loro e mettono la faccia sui loro prodotti. Sono come un marchio di garanzia per me.

Usare i mattoni giusti: le tecniche segrete per avere successo con il blog

Prima ti ho parlato di blogger e wordpress.

Esistono molte guide che spiegano nel dettaglio la differenza tra i vari cms, a mio avviso wordpress supera blogger per potenzialità ma devi fare un piccolo investimento in termini di denaro.

Anche se wordpress è gratuito, devi comunque comprare un hosting e un dominio al quale associarlo.

Il secondo mattone fondamentale per costruire il tuo blog di successo è infatti l’hosting. Ho usato diversi hosting prima di raggiungere il migliore. Non ti parlerò dei vecchi hosting perchè non parlo male di nessuno.

Ti parlerò solamente del migliore, quello che uso e amo.

Il suo utilizzo mi ha portato un incremento netto del 30% in pochi mesi e mi ha aumentato la velocità del blog in meno di 2 giorni. Ti sto parlando di SiteGround.

Facilità d’uso, velocità di risposta del server e assistenza clienti al di sopra degli standard medi della maggior parte dei provider presenti sul mercato.

Terzo mattone fondamentale è l’utilizzo di Authorship di Google. Associare i tuoi contenuti al tuo profilo google plus è requisito necessario se vuoi acquisire autorevolezza sul web. Ancora una volta devi metterci la faccia su quello che scrivi e offri ai tuoi lettori.

Quarto mattone che ti porterà al successo è il dialogo con il lettore. Il visitatore non è semplicemente un numero di una statistica. Io rispondo a tutte le email e quando posso aiuto tutti gratuitamente.

Se poi il mio aiuto è un aiuto continuativo allora posso anche richiedere in cambio un compenso, che comuque sono disposto a rimborsare se il malcontento è legittimo. Ma se sei sicuro della tua buona fede questo non succederà mai perchè crei valore e formazione reale.

Il quinto pilastro del tuo blog di successo è l’utilità pratica che i tuoi articoli devono dare. Devi risolvere un problema pratico a chi ti legge.

Se possiedi un bar devi invogliare il cliente a provare il tuo ultimo cocktail o di partecipare alla tua serata.

Come?

Parlando in maniera genuina di cosa hai di meglio da offrire rispetto alla tua concorrenza. E per farlo devi investire in conoscenza, dovrai essere pronto ad impiegare una notevole dose di tempo in formazione personale.

Questi sono i mattoni fondamentali, poi ci sono la scelta dei plugin, dei look grafici idonei ecc ma come detto in precedenza questo non è il mio campo d’azione e lascio fare il lavoro a chi è più bravo di me.

Non perchè io non lo sappia fare, solamente preferisco parlare di quello di cui mi appassiona e cioè aiutare la tua attività imprenditoriale ad avere successo.

Faccio questo perchè sono consapevole delle difficoltà che noi giovani stiamo affrontando sul mercato del lavoro. Non dobbiamo abbandonare la speranza ma piuttosto rimboccarci le maniche e trovare nuovi metodi per inventarci un lavoro. Il vecchio lavoro sicuro statale non esiste più.

Come fare un blog di successo: conclusioni

Determinazione e tenacia non ti devono mai abbandonare, mai. Potrei continuare con altre 10000 parole per motivarti a trovare la tua nicchia di mercato ma ho paura di essere troppo lungo.

Il tema del successo imprenditoriale è cosi ampio che non basterebbe un libro intero.

Le variabili coinvolte, lo studio della nicchia , il modello di business, la presenza di collaboratori, l’aspetto fiscale e burocratico, il marketing offline, la fidelizzazione del cliente, il giusto prezzo di vendita, gestione dei costi ecc.

Tutti questi fattori saranno trattati sul blog uno per uno. Nel frattempo ti chiedo di condividere con quante più persone possibili il blog, di iscriverti alla newsletter e rimanere in contatto con la pagina Facebook.

Un’ ultima cosa prima di lasciarci al prossimo articolo.

Ho bisogno di riscontro, devo sapere se quello che leggi è utile. Per dimostrarmelo basta che clicchi sul pulsante +1 che trovi qui sotto. E’ un voto e io ho bisogno di quel voto per sapere cosa ne pensi.

Grazie e a presto.


Se ti è piaciuto l'articolo, metti le 5 stelline

4 Comments

  1. Grazia Savoca Giu 8, 2015
  2. Michele Liuzzi Ago 26, 2015

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *