Come vivere felici e sereni: le 5 regole del benessere 4.65/5 (26)

La quotidianità e lo stress ti stanno distruggendo? Sei pronto a mollare tutto e fuggire per il semplice fatto che la tua vita non è bella come immaginavi?

Sei stanco di lottare senza avere nessun risultato tangibile? L’Italia ti sta stretta e vuoi cambiare vita in maniera definitiva?

Ti capisco, e per questo ho deciso di dedicarti la guida “come vivere felici e sereni”.

La società moderna non è creata a misura d’uomo. Tutto gira intorno ai soldi, al consumismo e alla fretta, fretta che ci rende superficiali nelle cose che contano.

Tutto questo ci rende infelici. E’ normale e non devi certo sentirti in colpa. Non sei sbagliato tu, è sbagliato il sistema ma comunque possiamo difenderci dall’infelicità.

La felicità non è un atto dovuto, ma un lavoro che dobbiamo fare su noi stessi.

Una volta sono stato colpito da una frase detta da un amico :”la felicità è una scelta”.

Questa breve frase mi ha fatto riflettere molto e dalla riflessione è nato questo post.

Se questo articolo aiuterà anche un solo lettore, significa che il mio sforzo non sarà vano. I miei articoli sono sempre abbastanza lunghi, se sei di fretta, salva la pagina nei preferiti e ritorna.

Se invece hai tempo, mettiti comodo, preparati un caffè e buona lettura.

Come vivere felici: la regola della coerenza

come vivere feliciCosa c’entra la coerenza con la felicità?

Se ad uno sguardo frettoloso queste due parole sembrerebbero scollegate, in realtà non possiamo vivere una vita serena se non siamo coerenti con noi stessi.

Mi spiego meglio.

Quando eravamo bambini sapevamo molto bene cosa ci piaceva e cosa no. Con il passare degli anni, ce ne siamo dimenticati.

Cerchiamo di piacere a persone diverse da noi, assecondiamo i desideri dei nostri genitori, ci adeguiamo alla società e inevitabilmente ci allontiamo da noi stessi, dal nostro vero io.

Schiacciati dai problemi della quotidianità, influenzati dalle circostanze, finiamo per seguire la via tracciata, il sentiero normale per non essere diversi da coloro che ci circondano.

Risultato?

Diventiamo delle persone tristi e disilluse. Ti riconosci in questa descrizione? Io si, ma in passato.

Nel momento preciso in cui ho smesso di dover piacere agli altri, quando ho preso la mia strada, ho riniziato a vivere.

Mettiti seduto sul divano, spegni tv, luci, elimina tutte le distrazioni, chiudi gli occhi e inizia un viaggio mentale sulla tua vita passata. Ripensa all’ultima volta che sei stato felice, rivivi i momenti più belli della vita, ritrova il bambino giovane dentro di te.

Cosa amava fare?

Quali erano le sue passioni?

Quel piccolo bambino felice sei tu anche se non te lo ricordi. Devi ascoltarlo, lui ha ragione, lui sa cosa ti rendeva felice e probabilmente sono le stesse cose che ti farebbero ritornare felice oggi.

Non ci avevi pensato, non è vero?

Nel momento in cui ritrovi le tue vere passioni, sii coerente con esse e invitale di nuovo a far parte della tua vita.

Appena realizzi che la causa della tua infelicità è la discordanza tra le tue vere passioni e la tua vita attuale, sei sulla direzione giusta.

Ma questo è solo l’inizio.

Un buon proposito non vale niente senza il coraggio.

Come vivere felici: la regola del coraggio

Hai finalmente deciso che tu meriti la felicità, hai riscoperto le tue vecchie passioni, vuoi finalmente vivere una vita coerente ma purtroppo non puoi mettere in pratica i tuoi buoni propositi.

E lo sai perchè?

Perchè, piuttosto che trovare un modo, stai trovando una scusa.

Ho già parlato delle scuse che ci diamo a noi stessi. Molti preferiscono arrendersi prima di iniziare, io invece sono un forte sostenitore che volere è potere.

Non ci credi?

Lasciami spiegare con i fatti.

Due anni fa decisi di inventarmi un lavoro dalle mie passioni ma non sapevo come fare. Io amo viaggiare, amo aiutare gli altri, ho sempre sognato sentirmi utile ma veramente non sapevo da dove iniziare.

Come fosse un segno del destino, capitai su un sito (non ricordo il nome) dove lessi le potenzialità dei nuovi lavori sul web.

Io, da sempre negato con l’informatica, non avevo nessun tipo di competenza tecnica necessaria. In quel preciso istante, avrei potuto iniziare a bombardarmi di scuse, non sei capace, non sei nessuno, non hai niente da dire e tante bugie simili.

Invece di focalizzarmi sulle cose che non andava, ho semplicemente trovato un punto d’incontro tra i miei sogni, le mie competenze derivanti dalle esperienze vissute e ho creato Aprire Azienda.

Non ho ancora raggiunto l’obiettivo, ma nel frattempo ho maturato il coraggio di inseguire il mio scopo.

Il coraggio non è l’assenza di paura, ma la determinazione nel superarle. Senza coraggio non sarai mai felice, darai sempre precedenza alle scuse piuttosto che alle soluzioni.

Sei una persona coraggiosa?

Allora spalanca le porte alla felicità, prima o poi arriverà.

Non credi in te stesso?

Allora è arrivato il momento di crederci veramente. Ti svelo un piccolo segreto: se non ci credi tu, nessuno lo farà al posto tuo.

Come vivere felici: la regola della perseveranza

La coerenza con le proprie idee e il coraggio di lottare per esse da sole non sono sufficienti. Il percorso verso la realizzazione personale è paragonabile ad un percorso pieno di muri, buche, ostacoli da saltare e tragedie.

Purtroppo, la spettacolarizzazione della realtà e la superficialità della società moderna tendono a distogliere l’attenzione sui segreti delle persone di successo.

Coloro che hanno ottenuto qualcosa dalla vita, hanno lottato per anni prima di ottenerlo. Le tue possibilità di successo sono direttamente proporzionali alla tua capacità di superare un fallimento e di ripartire più determinato di prima.

Se vuoi vivere una vita felice, devi prima imparare a soffrire. Senza sofferenza non potrai mai riconoscere la gioia.

Solo sperimentando le situazioni difficili e imparando la lezione da esse potrai ambire ad una vita felice e appagante.

Con la corenza e il coraggio sei solo a metà dell’opera, solo con la perseveranza di continuare quando tutto va male potrai raggiungere i tuoi obiettivi.

Ti riprendo il mio esempio con il blog. Se avessi mollato alle prime difficoltà, oggi questo articolo non esisterebbe affatto.

Ho passato mesi e mesi a scrivere senza ricevere neanche un grazie, un commento di apprezzamento e più di una volta stavo per mollare.

Ma poi, come per magia, ho ripensato al motto del blog e ho finalmente capito che solo chi ha la determinazione di non smettere mai potrà beneficiare del premio finale: la felicità.

Come vivere felici: la regola dell’ottimismo

Ogni buon proposito deve essere accompagnato dal famoso profumo dell vita: l’ottimismo.

Una persona coerente con le proprie passioni, che ha il coraggio di provarci e la perseveranza di continuare, non potrà mai beneficiare di una vita felice se non crede che i suoi sforzi saranno ripagati.

Magari passeranno anni prima di vederne i risultati, ma tu devi pensare che ci riuscirai.

Una persona ottimista riesce sempre a vedere il mezzo bicchiere pieno della situazione mentre il pessimista si concentra solamente su quello che non ha, e probabilmente mai avrà.

Un pessimista non riesce a concludere nessun progetto perchè non riesce nemmeno ad immaginare la fine positiva del proprio scopo di vita.

Tu che persona sei?

Sei ottimista, pessimista o una via di mezzo?

Ricorda, la vita è fatta di piccoli mattoncini da aggiungere ogni singolo giorno. Il muro a metà non ti proteggerà dal vento, devi finire l’opera e un pizzico di ottimismo ti aiuterà nella costruzione.

Come vivere felici: viaggia

Non sto parlando delle due settimane d’agosto al mare, parlo di un altro tipo di viaggio, quello che ti porta ad immergerti in culture profondamente diverse dalle tue.

Chi costruisce muri di pregiudizi e insofferenza, non potrà mai assaggiare il dolce frutto della felicità. Vedo molte persone con limiti comportamentali autocostruiti che escludono la possibilità di essere felici per il semplice fatto che non hanno la volontà di scoprire il nuovo.

Riduci le spese inutili, inizia a risparmiare e inizia a programmare un viaggio zaino in spalla in un paese culturalmente distante.

Immagino la Birmania, oppure la Corea del Nord, il Laos, l’Indonesia, il Perù, la Cambogia oppure il Madagascar. Tutti paesi che, con un minimo di buon senso, puoi tranquillamente visitare immergendoti appieno nella cultura del luogo.

Non prenotare nel resort, non  prendere un viaggio organizzato, al massimo acquista una guida Best in travel 2015. Il meglio da Lonely Planet, scegli una meta e viaggia.

Appena vedrai come le persone del terzo mondo affrontano la vita, inizierai a sentrirti in colpa della tua infelicità. Fidati, funziona.

In Cambogia ho visto bambini di 4 anni lavorare anche dopo mezzanotte, ho visto adulti invalidi trascinarsi per vendere un libro (che fra l’altro ho acquistato con enorme gioia), ho visto tanta povertà.

Dopotutto noi italiani siamo dei privilegiati, abbiamo la libertà di viaggiare, di parlare, di pensare. In molti paesi questa è pura utopia.

Come vivere felici: considerazioni finali

Le 5 regole del benessere per vivere felici non sono un dogma precostituito, non sono un punto di arrivo ma di partenza.

Seguirle ti aiuterà ma solo se sarai disposto a farti aiutare da esse. I momenti difficili fanno parte della vita, nessuno può vantare una vita priva di sofferenze ma il segreto sta nell’accettarle e guardare avanti.

Purtroppo il mondo sembrà essersi dimenticato delle cose importanti della vita, non fare l’errore di sprecarla vivendo un’esistenza priva di serenità.

La vera morale da carpire da questo articolo è che anche tu puoi farcela. Tu sei una persona unica, sono certo che troverai il modo per raggiungere la tanto agognata felicità.

Il blog Aprire Azienda è incentrato sull’autorealizzazione personale grazie all’autoimprenditoria, se vuoi rimanere in contatto con il blog, puoi iscriverti alla newletter, oppure alla pagina facebook e al gruppo Mai Arrendersi.

Cosa ne pensi delle 5 regole? Sei daccordo? Dimmelo nei commenti.

Alessandro

 

Se ti è piaciuto l'articolo, metti le 5 stelline

5 Comments

  1. Giovanni Dic 12, 2014
  2. Alex Mar 30, 2016
  3. Patrizio Apr 22, 2016
  4. Giovanni Garavello Ago 6, 2016
  5. tiziana scalzo Ago 23, 2016

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *