Informazioni utili per creare una start up innovativa

Guest post di Susanna.

Come sempre, ricevo e pubblico volentieri l’intervento di Susanna, collaboratrice di Aprire Azienda che oggi ci spiega come creare una start up innovativa.

Buona lettura!!!

Cos’è una start up innovativa

creare una start up innovativaQuando si parla di start up viene subito in mente qualcosa creato per caso, magari per gioco che all’improvviso è stata scoperto da qualcuno che ne ha fatto un successo.

Purtroppo non è sempre così e bisogna anche fare i conti con buone idee che sono purtroppo fallite di fronte alla mancanza di una pianificazione ben calcolata.

La creazione di una start up fa riferimento allo sviluppo ai fini della commercializzazione di un prodotto o un servizio che sia tecnologicamente avanzato e rappresenti una novità nel panorama delle start up.

Può trattarsi di cooperative, società di capitali in Italia o all’estero, ma comunque in paesi che appartengano all’Unione europea, e stabilisca la propria sede sul territorio italiano in base alla legge numero 221/2012, detta anche “Decreto crescita 2.0“.

Come avviare una start up innovativa

Per evitare che un progetto valido possa naufragare bisogna trovare gli appigli giusti che possano aiutare lo sviluppo e il perfezionamento di un’idea, specie se questa riguarda delle nuove app.

I cosiddetti “incubatori” sono il terreno fertile per le start up innovative perché affiancano e sostengono soprattutto nelle fasi iniziali, che sono le più delicate, e accompagnano la loro crescita fino al lancio sul mercato.

Si tratta di un vero e proprio “tutoraggio” che insegna alle piccole aziende a comportarsi come quelle grandi e a coltivare una realistica ambizione.

L’avvio e lo sviluppo di un’idea tecnologicamente avanzata naturalmente richiede dei capitali che non sono sempre facili da reperire.

Per i ragazzi tra i 18 e 35 anni che intendono richiedere un prestito esistono delle agevolazioni particolari: individuarle è diventato ancora più semplice grazie al web, che mette a disposizione portali che confrontano le varie offerte in corso.

Uno di questi è Facile.it, sul quale si possono trovare tutte le informazioni e modalità per richiedere un prestito per giovani, senza impegno, in modo semplice e veloce.

I giovani imprenditori e le grandi aziende

Ci sono alcune grandi aziende come SAP che puntano sulle start up innovative alla ricerca di idee fresche che possano essere utili ad arricchire il campo di cui si occupano, in tal caso quello dei gestionali aziendali.

SAP ha puntato sul suo Startup Focus Program che vuole portare le migliori idee in campi come il big data, il predictive analytics e il real time sulla sua piattaforma SAP Hana.

Una quarantina di queste tra le centinaia nel suo “vivaio” sono già in fase si inserimento sul mercato.

Start up italiane di successo

Tra gli esempi più rilevanti c’è quello dei velivoli in fibra di carbonio biposto di Angelo Petrosillo e Luciano Belviso che è arrivata a ricoprire il 5° posto nelle aziende aeronautiche per il fatturato e al cui interno lavorano circa 100 dipendenti, tutti al di sotto dei 40 anni.

E’ italiana anche la Green Rail che ha inventato delle traverse che, al passaggio dei treni, producono energia, ma anche Park Smart che indica nelle grandi città dove si trova il parcheggio libero più vicino.

Luca Carta e Davide Giancarlini di 28 e 25 anni hanno lanciato l’app Carsh che indica tutti i servizi di carsharing e bike sharing in città. L’app si inserisce tra quelle che facilitano la vita nelle metropoli guardando anche all’ambiente.

Leggi anche: come creare un business online

Se ti è piaciuto l'articolo, metti le 5 stelline

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *