Diventare avvocato. Il percorso formativo per diventare avvocato in Italia.

Diventare avvocato in Italia. Scopri come.

Molti giovani Italiani coltivano il sogno di diventare avvocato. La professione di avvocato ha origini nell’ antichità, infatti si ha notizie di questa figura professionale addirittura nell’ Antica Roma. Come ben saprete, l’ avvocato rappresenta una delle due parti processuale, difesa o accusa, dinanzi un giudice, durante un processo.

Durante gli ultimi anni purtroppo è diventato sempre più difficile ottenere un lavoro come avvocato, per via della grande offerta di professionisti presenti sul mercato, comunque questo non deve sfiduciare il giovane in cerca di un proprio futuro lavorativo nel proprio ambito di interesse. Per questo motivo ho deciso di parlare di questa carriera professionale sul blog Aprire Azienda, dando consigli e link utili per tutti coloro che vogliono diventare avvocato.

Diventare avvocato. I step da seguire per diventare avvocato

1.Laurea in Giurisprudenza;

Terminate le scuole superiori, occorre iscriversi presso una qualsiasi facoltà di Giurisprudenza sita nel territorio italiano. La facoltà di giurisprudenza, a mio avviso, non è da annoverarsi tra le più “difficili”, in quanto, con un discreto e costante impegno si dovrebbe riuscire a superare gli esami ed a conseguire la laurea.

Ai fini del conseguimento del titolo di Avvocato, non rileva il voto con il quale si “esce” dalla facoltà universitaria, per cui, anche con una votazione del minimo, ci si può tranquillamente iscrivere all’ordine degli Avvocati e svolgere il praticantato. Tuttavia, un buon voto può costituire un utile “biglietto da visita” da spendere al momento dell’ingresso nel mondo del mercato del lavoro, e potrebbe dare più chances per entrare in studi legali maggiormente affermati.In Italia le facoltà di Giurisprudenza sono molteplici, situate in molte città Italiane. Qui di seguito alcune delle principali facoltà in Italia:

2.Praticantato;

Una volta conseguita la laurea, occorre iscriversi presso uno degli ordini di Avvocati d’Italia e, da quel momento, si assume il titolo di “praticante Avvocato”. Decorso il termine minimo di durata della pratica forense (che la recente riforma ha portato a 18 mesi – con possibilità di iniziare la pratica già nell’ultimo anno di Università), si può dare l’esame di Stato per l’abilitazione alla professione di Avvocato. La pratica dovrà essere svolta presso uno studio legale.

3.Esame di Stato per diventare avvocato;

Le prove di esame si dividono in due parti : la prova scritta, che si tiene in tre giorni consecutivi nel mese di dicembre, e la prova orale, che si svolge in un’unica giornata verso il periodo estivo/autunnale; a quest’ultima prova saranno ammessi esclusivamente coloro i quali avranno superato la prova scritta di dicembre. Solo una volta superate le prove d’esame si diventa Avvocati.

diventare avvocatoÈ opinione largamente diffusa che, al momento attuale, superare l’esame di abilitazione alla professione forense è alquanto difficile. Ciò forse è da attribuirsi al fatto che in Italia vi sono molti Avvocati (troppi secondo gli Avvocati ed i relativi albi), e per cui la prova è divenuta davvero selettiva. È allora requisito necessario (ma non sempre sufficiente) un’ottima preparazione. A tal fine, occorre uno studio di molti mesi (a volte anni), fatto in modo costante, nel quale si dovranno svolgere varie attività : lo svolgimento di una discreta pratica presso uno studio legale, la lettura di “pareri” (quesiti giuridici con relativa risposta fatta a mò di tema), la redazione di pareri (la prova scritta ha ad oggetto la redazione di tali pareri), la lettura di riviste giuridiche (per “assumere” il lessico giuridico), nonché il ripasso degli istituti giuridici nei manuali.

Per chi ne avesse voglia e tempo, vi è pure la possibilità di iscriversi a dei corsi ad hoc per la preparazione all’esame; corsi che, seppur costosi, a detta di molti possono risultare utili per affrontare la prova scritta d’esame. Si noti che presso alcuni ordini vi sono dei corsi interni (e gratuiti) per la preparazione all’esame. Da ultimo, si consiglia il percorso professionale in questione solamente a chi è dotato di grande spirito di sacrificio, anche in considerazione del fatto che la competizione tra i professionisti del settore è tanta ed i guadagni, specie agli inizi, potrebbero riservare delle delusioni.

P.s. Diventare avvocato in Italia è possibile anche se si è ottenuta l’abilitazione in qualsiasi paese europeo. Talvolta gli ordini Italiani fanno problemi a chi si vuole iscrivere; però, facendo ricorso grazie alla  direttiva UE sulle liberalizzazioni,  l’ordine viene obbligato ad iscrivere la persona come avvocato anche in Italia.

Se l’articolo come diventare avvocato in Italia ti è sembrato utile e degno di nota, sarei grato se decidessi di condividerlo e di rimanere in contatto con il blog Aprire Azienda tramite la pagina Facebook. Grazie e in bocca al lupo per il tuo futuro da avvocato.

Se ti è piaciuto l'articolo, metti le 5 stelline

No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *