Lavorare in proprio seguendo le proprie passioni

Uno dei modi per inseguire i propri sogni è quello di lavorare in proprio.

Magari come secondo lavoro.

Un’entrata fissa mensile per alleviare il peso delle bollette, per avere una sicurezza in questi tempi difficili.

Il clima di sfiducia che si vive in Italia è uno dei motivi per cui molte persone decidono di mollare i propri sogni.

Ci accontentiamo di quello che abbiamo, ci rassegniamo con un lavoro che non ci soddisfa e sopravviviamo in maniera passiva.

Uscire da una situazione del genere è sicuramente difficile, ma questa è la ragione principale per cui ho aperto il blog Aprire Azienda: dare una motivazione alle persone che vogliono prendere in mano la propria vita.

Ogni giorno pubblico articoli cercando di motivare te e tutti gli altri che come te hanno deciso di prendere in mano la propria vita.

Anche se ora ti sembra impossibile, con la giusta strategia è possibile lavorare in proprio con una piccola attività parallela che accompagni la tua attività principale.

Leggi anche: come aprire un blog

Lavorare in proprio è possibile se sai come farlo

lavorare in proprioPaesi sviluppati come il Regno Unito hanno già dato una svolta alla loro economia in positivo.

La globalizzazione ha totalmente cambiato lo scenario economico, settori industriali storici stanno attraversando una crisi senza precedenti, con conseguente perdita di manodopera e posti di lavoro.

La buona notizia è che viviamo in paese ricco di risorse ancora sottosviluppate.

Penso all’agricoltura, penso al patrimonio artistico e quello naturalistico che l’Italia possiede. Anche se facciamo di tutto per non notarlo, sotto i nostri piedi c’è un patrimonio immenso da valorizzare.

Il sistema Italia deve rinnovarsi, dobbiamo trasformare la nostra economia da un’economia industriale ad una di servizi.

Immagina quante  possibilità che il web offre che non sono ancora state sviluppate. E non parlo solo di start up e innovazione. Parlo di una tutta serie di realtà imprenditoriali che nell’ombra dei mass media lottano per la loro sopravvivenza.

Sabato scorso ho avuto il piacere e onore di conoscere un gruppo di ragazzi fantastici che, grazie alla loro formazione giornalistica, riescono a parlare di un mondo nascosto ai più.

Sto parlando dei ragazzi di Italia che Cambia.

Viaggiando in camper attraverso le campagne e città italiane, Daniel e Andrea incontrano ed intervistano realtà imprenditoriali tutte italiane che hanno intrapreso il duro percorso dell’imprenditoria in Italia.

Aziende innovative ecologiche e solidali che hanno fatto del patrimonio italiano una risorsa per cambiare la propria vita grazie alle loro passioni.

Questi ragazzi dimostrano con le azioni che cambiare si può.

Lottare con determinazione e costanza per il proprio scopo è il solo modo per vivere una vita piena e appagante. Io come blogger voglio incentivarti a dimostrare a te stesso che volere è potere e che lavorare in proprio è possibile.

Leggendo le storia di chi ha fatto il percorso prima di te deve essere una spinta per iniziare a muovere i primi passi.

Rispettando la linea editoriale del blog, io non mi limito a riportare i casi di successo. Il mio aiuto concreto è anche quello di mostrarti la via per crearti un lavoro.

Leggi anche: come fare soldi online

Lavorare in proprio: i requisiti

Quando ricevo email la domanda più frequente che mi viene rivolta è: quanti soldi ho bisogno per avviare la mia attività e lavorare in proprio?

Io non ho mai una risposta soddisfacente per il semplice fatto che la risposta a questa domanda non esiste. Lasciami spiegare.

Chi decide di mettersi in proprio a volte non lo fa per un reale desiderio ma piuttosto per un incombente bisogno, magari dovuto ad un periodo di inattività o disoccupazione.

Questo scenario non è favorevole per avviare un business perché l’avvio di un’attività richiede un tempo variabile dai 6 mesi ad un anno minimo, forse più.

Il periodo iniziale è un periodo cruciale sia dal punto di vista finanziario che emotivo. Le spese sono tante e le entrate poche e l’entusiasmo iniziale svanisce molto presto.

Per questo motivo, sia che tu decida di lavorare in proprio in Italia o all’estero, il primo requisito necessario per iniziare è avere una vita soddisfacente dal punto di vista sociale ed economico.

In poche parole, devi avere un lavoro e una rete di contatti.

Ti dico questo perché i primi tempi, tranne rari casi, sono difficili e soprattutto lunghi. Qualsiasi sia la tua attività commerciale, prima di avere un giro clienti soddisfacente passeranno mesi, se non anni.

Avere un’entrata alternativa è il miglior modo per attraversare questo periodo di instabilità.

Lo so, tutto questo ti può sembrare un contro senso, a volte mi dispiace dire la verità alla gente ma è molto meglio ascoltare un’amara verità che una dolce bugia, specialmente quando parliamo di soldi.

Con questo non voglio sfiduciarti, tutt’altro perché Aprire Azienda è il blog di chi non si arrende.

Voglio solamente metterti in guardia delle difficoltà che dovrai affrontare.

Il web deve finalmente diventare una fonte affidabile di informazioni, non un mix di bufale ed illusioni.

Come è mia abitudine, dal problema viene fuori la soluzione. Trova un lavoro, qualsiasi esso sia, e piano piano inizia a camminare in direzione del sogno, giorno dopo giorno.

Come fare?

Prima cosa eliminare il tempo perso. Quante ore sprechi davanti alla televisione, ascoltando inutili notizie che non portano niente?

Quante ore sprechi davanti allo smartphone in inutili conversazioni, quante ore sprechi in inutili uscite fuori, dove spendi solamente soldi e niente più?

Impara a dedicare una parte della giornata ii tuoi sogni e basta.

Secondo passo, impara subito l’inglese. Niente scuse, senza inglese sei fuori dal mondo, ti neghi la possibilità di conoscere per primo le ultime novità dal mondo.

Terzo, investi in conoscenza.

La preparazione di base è necessaria per qualsiasi business.

Grazie all’inglese e al tuo tempo libero, avrai le risorse necessarie per ampliare le tue conoscenze. Aprire Azienda è un tuo amico, io sono qui anche per questo, non sempre posso aiutarti (più studio più realizzo di quanto devo ancora studiare), ma se posso lo faccio.

Leggi anche: gestione del tempo

Soddisfare un bisogno della gente

Abbiamo visto i requisiti di base per lavorare in proprio. L’avvio dell’attività è la parte che influirà sul tuo futuro in maniera definitiva. Devi avere chiaro in mente l’obiettivo e la meta dove vuoi arrivare.

Questo non significa che non commetterai errori, è impossibile non farlo, significa solamente avere uno scopo chiaro e una direzione stabilita.

Devi chiedere a te stesso: cosa amo fare?

Chi ama le mie stesse cose?

Chi pagherebbe per questo amore?

La nicchia di mercato giusta è l’incontro tra realtà e sogno.

Il punto d’incontro tra la tua passione e un bisogno inespresso delle persone.

La gente ama soddisfare i propri bisogni, cosa hai da offrire agli altri ed essere pagato per questo?

Una volta trovato questo amore, chiedi a Google chi sono i tuoi competitori. La loro presenza è sinonimo di garanzia. Se vuoi vendere un prodotto che nessuno vende, le situazioni sono due: o hai appena scoperto l’idea del secolo e stai per diventare ricco, oppure la tua idea non ha fondamento.

Non avere paura di spargere la voce, nessuno ti ruberà l’idea perché la differenza tra una buona idea e un buon business è la volontà di mettere in pratica l’idea.

Tutti noi abbiamo idee fantastiche ogni giorno, ma quante ne portiamo avanti veramente? Poche.

Come usare il web a tuo favore

Io amo il web perché dà la possibilità a tutti di iniziare un business redditizio con pochi soldi. Avviare un business tradizionale conviene ancora ma i capitali necessari sono ovviamente maggiori.

Qualunque attività comunque necessità di una parte online.

Immagina di avere un bar, perché non creare un sito dove pubblicizzare i tuoi corsi di barman free style, oppure hai un negozio di intimi, perché non usare la forza del web per organizzare una sfilata con i tuoi prodotti?

Una volta individuata la nicchia, la prima cosa da fare è decidere il nome e registrare il dominio. Registrando il dominio dai concretezza alla tua idea. Puoi fare tutto con pochissimi soldi.

Dopodiché, installa WordPress e inizia un blog sull’argomento.

Ti dico un segreto.

O hai i soldi per lanciare il tuo sito, o hai tempo e determinazione per portalo avanti. Avere una visibilità online è utile ma difficile. Considera un tempo minimo di un anno per vedere i primissimi frutti.

Tu stai leggendo questo articolo perché un anno fa ho deciso di aprire il blog.

Un anno fa non hai letto l’articolo perché Google non  considerava Aprire Azienda un sito degno di nota.

L’autorità di un sito internet, e con essa la sua visibilità, si costruisce in anni di sforzi e passione.

Oppure con tanti soldi di pubblicità.

Grazie al web puoi creare un’attività e raggiungere un pubblico vasto, anche se è ora ti sembra impossibile, è possibile iniziare a lavorare in proprio grazie ad un sito internet creato con pochi soldi.

Se vuoi approfondire, ho scritto la guida ITS che ti insegnerà a lavorare online e monetizzare le tue passioni.

La creatività legata al territorio

Come detto in precedenza, il primo requisito per lavorare in proprio è avere stabilità sociale ed economica. Mollare tutto e iniziare un’attività in un posto nuovo non è la risposta ai tuoi problemi, anzi è l’inizio di ulteriori problemi.

Conoscere la realtà in cui si vive, avere una rete di amicizie stabili, sapere cosa funziona e cosa no, scoprire i bisogni inespressi legati al proprio territorio è la chiave di volta per realizzare il sogno di lavorare per te stesso.

I tuoi amici si lamentano dei pochi divertimenti in zona?

Oppure dei prezzi troppo alti di un pomeriggio in piscina?

Oppure del bisogno di ritornare a casa dopo la discoteca senza rischiare la patente? Involontariamente ti stanno dicendo cosa il territorio necessita.

Oppure mettiamo il caso tu viva all’estero e i tuoi amici connazionali si lamentano della pizza locale o delle poche serate di ritrovo per italiani.

Ancora una volta ti stanno dando un suggerimento.

Oppure turisti italiani che spendono dove non dovrebbero spendere. Forse hanno bisogno del tuo aiuto.

Se invece la tua creatività lavora al massimo ritmo, forse è arrivato il momento di ascoltarla. In un mondo come quello odierno, la creatività è apprezzata.

Leggi anche: come avviare un sito internet

Lavorare in proprio: conclusioni

Ogni giorno aggiungo un piccolo tassello al grande puzzle della vita imprenditoriale. Il lavoro è lungo e difficile. Non  nascondo di avere bisogno dell’aiuto di tutti.

Se hai un’idea, se vuoi pubblicizzare la tua nuova attività, se vuoi raccontare la tua storia al mondo, il blog Aprire Azienda è aperto a tutto o quasi.

Il quasi è riferito al Multilevel marketing, giochi d’azzardo, catene di sant’antonio ecc. Voi non siete i benvenuti, per tutti gli altri il blog è un cantiere aperto.

Se avete apprezzato l’impegno di reperire informazioni che quotidianamente faccio, le sole richieste (gratuite) che vi chiedo è quello di rimanere in contatto con il blog Aprire Azienda tramite la pagina Facebook,  condividere l’articolo con i vostri amici e votare l’articolo con il tasto +1 di Google plus.

Se hai bisogno di chiarimenti o consigli, non esitare a contattarmi.

Grazie a presto.

Leggi anche: ITS Idea Traffico Soldi, il metodo passo passo per guadagnare sul web

Se ti è piaciuto l'articolo, metti le 5 stelline

One Response

  1. Antonino Mag 27, 2016

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *