Lavorare, vivere in Bolivia e aprire un’attività di successo 5/5 (3)

Continua la bellissima collaborazione con Carmela, autrice e imprenditrice che vive da molti anni in sud america. Grazie alla sua esperienza, oggi iniziamo un viaggio virtuale alla scoperta di uno dei paesi più affascinanti: la Bolivia.

Vivere in Bolivia è probabilmente meraviglioso, ma come tutte le nazioni del mondo, bisogna essere informati e preparati per ridurre i rischi e beneficiare al massimo dell’esperienza.

Noi italiani, quando pensiamo al Sudamerica, pensiamo immediatamente a Brasile e Argentina quando in verità ci sono paesi che sono paragonabili a delle perle preziose.

Grazie all’esperienza diretta di Carmela, raccoglieremo informazioni utilissime per chi desidera un trasferimento nel paese sudamericano. Con il suo italiano sudamericanizzato, Carmela ci fornisce oltre ai testi, degli utilissimo video per comprendere meglio la Bolivia e gli altri paesi trattati.

Le cose belle sono nascoste agli sguardi frettolosi, grazie a questo articolo conoscerai aspetti della vita boliviana di cui non immaginavi l’esistenza.

L’articolo è composto da due parti, la prima è una breve scheda tecnica del paese, la seconda parte è il contributo di Carmela.

Vivere in Bolivia: aspetti generali

vivere in boliviaLa Bolivia è un piccolo stato del sudamerica situato al centro del continente sudamericano con una popolazione di 10 milioni di abitanti circa. Confina a nord e ad est con il Brasile, a sud con l’Argentina e ad ovest con Perù e Cile.

La capitale La Paz conta circa 840.000 abitanti ed è considerata la metropoli a più elevata altitudine al mondo.

Quando parliamo di sudamerica, il primo pensiero deve essere rivolto alla sicurezza. Dal sito Viaggiare Sicuri scopriamo che la Bolivia è una meta sicura.

Ovviamente ci sono alcune zone problematiche, dalla mia esperienza non esistono paesi nel mondo dove non ci siano, ma in linea generale la Bolivia è un paese tranquillo con una popolazione locale accogliente e gentile.

Da sottolineare la riduzione del livello di povertà dal 38% al 18% a seguito dell’elezione del presidente Morales. La Bolivia ha un tasso di crescita del 5%: se la paragoniamo all’Italia, possiamo dire che la Bolivia è un paese in salute.

A contribuire alla crescita, c’è stata anche la nazionalizzazione del petrolio boliviano da parte del presidente che ha portato un innalzamento generale delle condizioni di vita dei boliviani rispetto al passato.

Il clima boliviano è vario per via dell’altitudine rispetto al livello del mare, tuttavia ci sono due climi principali, a nord del parallelo 18°S, il clima è classico amazzonico, con breve stagione secca e temperatura variabili tra i 22 e 26 °C di media e precipitazioni tra i 1.000 e 3.000 mm/anno.

La zona a sud del parallelo ha un clima più mite e secco, con temperature medie tra i 20 e 22 °C e precipitazioni tra i 500 e 1.000 mm/anno.

La lingua più parlata è lo spagnolo, a seguire italiano, inglese e le lingue tradizionali boliviane come il quechua.

L’economia boliviana è principalmente rurale, con forte sviluppo del settore agricolo, mentre il settore secondario è limitato all’industria alimentare e tessile.

Il settore terziario è il settore meno sviluppato con grandi prospettive per il futuro. Propripo in questo settore un imprenditore italiano potrebbe vedere una possibilità d’impresa.

La Bolivia ha molte attrazioni turistiche come il famoso Lago Titicaca e le rovine dlla civiltà Inca. Ogni anno l’afflusso turistico cresce, diventando uno dei settori trainanti della crescita boliviana.

Aprire un’attivitá e vivere in Bolivia

Dopo la breve descrizione generale, lascio la parola a Carmela e alla sua trentennale esperienza nel continente sudamericano. Buona lettura!!!

Amici imprenditori,

Eccoci giunti alla terza avventura di viaggio, tra i piccoli, ma incredibili stati sudamericani.

Ricordate?

Siamo partiti dal cuore del Sud America, il Paraguay, poi verso sud in Uruguay. Oggi, sempre partendo dal Paraguay, ma viggiando verso nord, troviamo la enorme regione del Chaco paraguayo (si pronuncia: Ciaco paraguagio).

La ricordate?

É la zona dove nell’ ottobre 2014 venne scoperto uno dei giacimenti di petrolio più grandi al mondo.

Ora, spingendoci sempre piú a nord, attraversiamo una frontiera (invisibile) ove la zona Chaqueña (pron: ciachegna) si estende, qui conosciuta per i giacimenti di gas.

Siamo entrati in BOLIVIA.

Come per il Paraguay, la Bolivia é priva di sbocco al mare, ma in compenso é situata ai piedi e pure arrampicata su una parte della regione Andina.

Permettetemi una piccola parentesi: molto importante, quando desideriamo emigrare, é opportuno tener presente la nostra salute; c’é chi non sopporterebbe il caldo tropicale estivo del Paraguay, ma altri, se con problemi cardiaci o respiratori, le sarebbe impossibile vivere in alcune cittá boliviane, dovute alla loro altitudine sul livello del mare.

Oggi desidero che venite con me, a scoprire le cittá boliviane, attraverso la tradizione culinaria. Dovete conoscere tutto di un Paese, pure attraverso le tradizioni del medesimo.

Ecco a voi un video originale, ma anche utile:

Come va? Interessante, conoscere cosí una cittá, vero? Ora dopo questa breve indigestione, non pensate che é tutta cosí la Bolivia (la tradizione é una cosa, ma gli investimenti e il modernismo sono pure
lí arrivati).

Ed ora, non dimentichiamo che LA PAZ é una delle 7 cittá meraviglia del mondo.

Un altra piccola parentesi: desidero raccontarvi il caso di due anziane signore che partirono per visitare parenti residenti in Bolivia. Una mattina, entrambe le signore, decisero che avrebbero fatto spese al mercato. Una verdura qui, un frutto lá, poi videro una bancarella ove molte persone compravano delle foglioline medicinali, dissero loro che erano utili per energizzare il corpo, e facilitare la giornata all’altitudine di La Paz.

Si potevano masticare come tabacco o preparare un infusione con le medesime.

Le due ziette comprarono un bel mazzetto di quelle foglie e ne masticarono qualcuna di ritorno alla casa dei familiari.

Incredibilmente si sentirono attive, con voglia di fare mille cose. I parenti rimasero sorpresi, e chiesero loro come mai non erano stanche ai loro 70 anni passati.

Le due signore mostrarono le foglioline della “eterna gioventú” (come decisero di chiamarle). Ma, ahíme! Con stupore e proccupazione, i parenti spiegarono alle anziane signore, che era impossibile portare con loro in Svizzera tali foglie, e che non dovevano consumarle, poiché era COCA.

Attenzione! amici, a cosa consumate! prima di aprire la bocca ed inghiottire qualsiasi produtto, informatevi.

Ed ecco qualche dato economico:

Come ha potuto la Bolivia, cambiare positivamente economicamente?

Perché si parla di “Miracolo boliviano”? ecco un’interessante intervista che vi dará una idea:

Avete ascoltato? Grazie a questo sistema, Bolivia ha avuto una crescita positiva

(10 volte superiore alle aspettative) .

Ed ora vediamo un po’ di storia e turismo (utile per investire in tal settore):

Siamo giunti alla solita domanda: Carmela,qual é la cittá ideale per te?

Ricordate, amo la natura, ma anche un clima piú tropicale, e la storia; realmente la Bolivia ha luoghi molto interessanti per me. Ma guardando il lato pratico, come europea, che desidero sicurezza e
possibilitá maggiori per investire, decisamente la Cittá di:
SANTA CRUZ DE LA SIERRA:

Ma ricordate, ognuno di noi ha mete differenti, cosí a voi la scelta.

Cosa manca? Preparare la valigia per visitare la Bolivia, e decidere qual’é la vostra cittá ideale e in cosa investire.

ULTIMA NOTIZIA: mentre sto’ scrivendo questo articolo, il governo boliviano é arrivato ad un accordo con il governo paraguaiano, per usufruire lo sbocco al Atlantico attraverso la IDROVIA.

Come vi raccontavo, entrambi i Paesi non hanno sbocco al mare, ma Paraguay ha il vantaggio dei sui grandi fiumi navigabili (ricordate: il Paraná
secondo fiume piú grande del Sud America dopo l’Amazzonia; poi il fiume Paraguay e il Pilcomayo tra i piú grandi).
Bolivia utilizzerá uno dei porti sul fiume Paraguay, (la flotta di chiatte del Paraguay é la terza mondialmente) qui le merci boliviane navigheranno fino a raggiungere i porti dell’Argentina, Uruguay o Brasile.

La Bolivia fará poi un interessante investimento per creare una rete ferroviaria che unirá i due Paesi e faciliterá il trasporto merci. Per chi fosse interessato ad investire in Bolivia, giá puo’ pensare pure a questo interessante vantaggio.

Ed ora un video importante sul “Futuro per investimenti degli stranieri in Bolivia” (i due lati della moneta, positivo e negativo):

A questo punto, forse, qualcuno fará marcia indietro, al conoscere pure gli aspetti non soluzionati delle leggi ed economia boliviana. Io sono propensa a pensare, che in un Paese come Bolivia, non bisogna investire in grande, ma in piccolo e un poco alla volta, come si sviluppa il Paese, svilupparsi nelle proprie imprese. A voi la decisione finale.

Come sempre sono a vostra disposizione per rispondere ai vostri quesiti al mio e-mail:

forzanic@gmail.com

Saluti calorosi dal Paraguay. Carmela Manuela Forzani

Vivere in Bolivia:considerazioni finali

Se hai delle domande, non esitare a contattare la disponibilissima Carmela.

Dall’articolo abbiamo visto gli aspetti meno conosciuti della Bolivia. Personalmente, l’articolo mi ha aiutato molto a conoscere una parte di mondo a me misteriosa. Spero che l’articolo sia stato di aiuto come lo è stato per me.

Abbiamo visto che vivere in Bolivia non è impossibile, magari dopo una serie di viaggia esplorativi avrai un’idea diretta per valutare meglio.

Nel frattempo, sei l’articolo ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici e rimani connesso con il blog tramite il gruppo facebook MAI ARRENDERSI.

Se vuoi ricevere ulteriori articoli dal blog, rimani in contatto tramite la newsletter.

Ciao, a presto,

Alessandro e Carmela

Se ti è piaciuto l'articolo, metti le 5 stelline

2 Comments

  1. giorgio Feb 20, 2016
  2. Miguel Ago 30, 2016

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *