Nuova Zelanda. Vivere e lavorare in Nuova Zelanda. 5/5 (1)

Scopri la Nuova Zelanda

Analisi su visti, permessi e burocrazia per aprire il tuo business in Nuova Zelanda

La Nuova Zelanda, terra lontana e misteriosa. Con i suoi 4 milioni di abitanti occupa la terza posizione nella lista stilata dalla Banca mondiale per facilità d’ impresa. Sono diversi i connazionali che hanno deciso di cambiare emisfero e vivere in un paese agli antipodi dell’ Italia. Non a caso è considerato il paese più lontano al mondo. In questa pagina affronteremo il tema dell’immigrazione e dell’ avviamento di impresa, citando fonti ufficiali e riportando i link dove effettuare le eventuali richieste.

Visti in Nuova Zelanda

I visti: nota dolente per ogni futuro emigrante in cerca di avventure. Fortunatamente la Nuova zelanda è un paese altamente organizzato ed efficente sotto questo punto di vista. Nel portale governativo www.immigration.govt.nz sono presenti tutte le informazioni e i moduli necessari. Andando più nel dettaglio, la tipologia del visto cambia a seconda del motivo per cui si intende andare in Nuova Zelanda. Per coloro che vogliono recarsi in vacanza, magari come viaggio preliminare per testare il terreno, non è necessario nessun visto per permanenze inferiori ai 3 mesi.

Coloro che intendono andare in Nuova Zelanda per motivi di studio superiori ai 3 mesi, devono invece ottenere un visto. Per essere accettati si devono rispettare le seguenti condizioni:

  1. Accettazione da parte dell’ istituto ospitante;
  2. Evidenze di avere fondi monetari sufficenti;
  3. Evidenze dell’intenzione di lasciare il paese alla fine del periodo di studi (esempio biglietto aereo di ritorno);
  4. Rispettare i parametri di salute e fedina penale.

[separator top=”40″]

Coloro che intendono trasferirsi in Nuova Zelanda per motivi di lavoro temporaneamente hanno diverse possibilità fra cui la più nota il Working Holiday Visa. Se si ha un contratto di lavoro sarà la ditta ad occuparsi della relativa sponsorizzazione del lavoratore. Tutto questo è ampiamente documentato nel sito governativo www.newzealandnow.govt.nz, dove è veramente facile trovare tutte le informazioni in maniera chiara ed immediata.

Coloro interessati invece a trasferirsi per motivi di lavoro permanente, devono appartenere allo Skilled Migrant category, cioè rientrare in quella lista di professioni richieste dal governo Neozelandese. Da sottolineare comunque l’ ampia scelta fra i vari percorsi offerti dal governo spiegati in maniera chiara ed esaustiva per chi veramente intenzionato a fare della Nuova Zelanda il proprio futuro.

Nel caso specifico di chi invece vuole venire in Nuova Zelanda ad investire o aprire un’ azienda, il governo aiuta e cerca di facilitare il tutto senza porre nessun problema di visti o quant’altro se ovviamente vengono rispettati i requisiti. Nello specifico due visti sono concessi agli imprenditori stranieri:

  1. Investor Visa (coloro interessati ad investire NZ$ 1.5 milioni in 3 anni)
  2. Business Visa (per tutti gli altri eheh)

Visto che la maggioranza di noi (purtroppo) probabilmente non rientra nella prima categoria, focalizzeremo la nostra attenzione sul Business Visa. Troverai tutte le informazioni sul Business Visa a questo link.

Registrare la company in Nuova Zelanda

Una volta ottenuto il visto, in tre giorni puoi avviare la tua azienda. Si, hai capito bene 3 giorni!!! La nuova zelanda si trova al primo posto sotto la voce iniziare business mentre è terza nel giudizio complessivo dopo solo Singapore e Hong Kong.

Ogni imprenditore può scegliere fra 3 diverse strutture giuridiche:

  1. Sole trader
  2. Partnership
  3. Limited Liability Company

Ovviamente ogni struttura ha i suoi vantaggi e svantaggi a seconda della natura e tipologia del business. Oltre alle tre principali sono presenti altre forme giuridiche meno usate ma comunque valide come ad esempio la cooperativa o trading trust.

Molti imprenditori stranieri scelgono la forma della Limited Liability Company per il vantaggio di avere responsabilità limitata sul business, quindi senza rischiare il proprio patrimonio personale oltreaoceano. Altri preferiscono iniziare come Sole trader per poi passare allo status di company nel momento in cui il business cresce.

Anche se per un Italiano può risultare difficile capire come sia possibile, registrare una company costa solo NZ$160. No, non ci sono notai coinvolti!!! Quello che bisogna fare è contattare il Companies Office.

Una volta scelto il nome si dovranno seguire questi step basilari:

  1. Registrarsi al sito internet governativo;
  2. Verificare se il nome scelto è disponibile e successivamente riservarlo;
  3. Incorporare la company: definire indirizzo, capitali, soci, direttore/i, segretaria;
  4. Registrarsi per le tasse.

Bene come avrai capito niente è impossibile in Nuova Zelanda con una burocrazia snella ed efficente. In bocca al lupo da Aprire Azienda per il tuo futuro in Nuova Zelanda.

nuova zelanda

Se ti è piaciuto l'articolo, metti le 5 stelline

10 Comments

  1. Curioso Ago 8, 2014
    • Alessandro Nicoletti Ago 8, 2014
  2. Gerry Ago 13, 2014
  3. Andrea Ott 27, 2014
    • Alessandro Nicoletti Ott 27, 2014
  4. Andrea Bracci Ott 28, 2014
    • Alessandro Nicoletti Ott 30, 2014
  5. yari lettieri Gen 19, 2015

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *