Come aprire un locale e portarlo al successo imprenditoriale

Conviene aprire un locale oggi?

La risposta è dipende, dipende dal luogo, dal tipo di locale, dall’idea di investimento, dalla strategia di marketing e molto altro ancora.

Ci sono locali di successo e altri fallimentari, questo è un fatto, in questa sede quello di cui voglio occuparmi è come inserire il tuo prossimo locale nel primo gruppo.

Nessun imprenditore vuole aprire un locale fallimentare, tutti vogliono che la propria attività diventi un business di successo, ma solo alcuni ci riescono.

Io mi sono fatto una mia idea sui locali, un’idea basata sulla mia propensione ad osservare in silenzio le dinamiche delle attività di successo e quelle di insuccesso.

In molti casi vedo alcune caratteristiche comuni in entrambi i casi.

Dietro ad un’attività di successo c’è sempre un imprenditore con una mente aperta ai consigli e consapevole che serve formazione e studio specifico per incrementare la redditività dell’attività.

Chi ha successo non ha problemi ad ammettere che forse a torto, non si accontenta delle sue convinzioni, ma crede piuttosto ai dati matematici e ai test.

L’esatto contrario dell’imprenditore di insuccesso, un personaggio chiuso nelle proprie idee, non accetta consigli convinto com’è di avere sempre ragione. Un personaggio miope, troppo è l’orgoglio per ammettere che forse ha torto.

Non importa quanti soldi hai da investire, lavora sull’apertura mentale e onestamente valuta quanto tu sia adatto all’imprenditoria.

Se sei una persona aperta di mente, allora le possibilità di aprire un locale di successo aumentano di conseguenza.

Che tipo di locale aprire

aprire un localeIl termine “locale” vuol dire tutto e non vuol dire nulla.

I tempi dell’emporio dove si vendeva un po’ di tutto fa ormai parte dell’archivio della storia dell’umanità, oggi la società sta andando verso la specializzazione estrema delle offerte commerciali e non.

Chiedi ad un ricercatore cosa sta studiando e ti dirà che in tutto il mondo saranno sì e no 200 persone a studiare lo stesso.

Nel commercio dovremmo più o meno seguire la stessa strategia.

Perché il cliente dovrebbe venire nel tuo locale piuttosto che un altro?

Qual è l’elemento caratterizzante che ti distingue?

Come essere unico nel panorama dell’offerta commerciale del luogo?

Aprire l’ennesima attività fotocopia non ti porterà da nessuna parte, la burocrazia e le tasse ti daranno il colpo finale.

E’ inutile creare un business senza identità, sarai uno dei tanti che galleggiano per non affogare.

Oggi più che mai molti aspirano a diventare imprenditore per mancanza di alternative, capisco le difficoltà nel trovare lavoro e le tristi condizioni del mercato dipendente, ma prima di investire cifre importanti assicurati di offrire un’esperienza differente al cliente.

Solo così potrai avere successo duraturo.

Dove aprire un locale

La location è fondamentale, la scelta infatti determinerà l’esito dell’attività.

La giusta posizione è determinata dal tipo di locale aperto, se apri un bar diurno per colazioni assicurati di avere un ampio parcheggio nelle vicinanze, se crei un locale notturno ti consiglio di limitarti ai centri storici dove le persone possono passeggiare da un locale all’altro senza l’utilizzo dell’automobile.

Molti prendono in considerazione anche il trasferimento all’estero per aprire un locale. Se questa è la tua scelta, ti consiglio di passare diverso tempo nel luogo prima di farlo.

Da lontano tutti i paesi sembrano più belli, quando poi ti ci trasferisci veramente capisci che la realtà di tutti i giorni non è uguale alle foto in cartolina.

Per decidere la giusta posizione devi eseguire una serie di passaggi e considerazioni pratiche che ti elenco qui di seguito per facilità:

  1. Eliminare fretta e facile entusiasmo, servono competenze e capacità di analisi;
  2. Determina le caratteristiche demografiche del luogo, tipo di residenti, flusso di passaggio pedonale, età media, livello di sicurezza percepito, reddito medio, tipologia di famiglie.
  3. Analizza le caratteristiche del luogo come accessibilità del locale, disponibilità di parcheggio, flusso di traffico auto, visibilità del locale.
  4. Analisi quantitativa e quantitativa dei concorrenti, quali sono le attività che funzionano, perché funzionano.

La decisione sarà una conseguenza di questi e tanti altri fattori tutti riferiti al tipo di locale aperto.

Sembrerà assurdo, ma vari esperti consigliano di aprire vicino alla concorrenza che funziona, il motivo è semplice, le attività che funzionano hanno già creato il mercato.

Pensa agli anni investiti dalle grandi aziende nello studio della giusta location, se non hai sufficiente esperienza considera inoltre l’apertura di un franchising serio.

Come riconoscerlo?

Un franchising serio spesso e volentieri dice no ad un nuovo locale se non rispecchia i loro rigorosi parametri di analisi demografica della zona.

Aprire un locale notturno

L’attività imprenditoriale che si rivolge al mondo della notte è quello potenzialmente più redditizio, ma anche il più rischioso di tutti.

Primo motivo, i costi, avviare un locale notturno comporta un investimento economico importante.

Dall’allestimento del locale, al personale, licenze e quant’altro, non è certamente alla portata di tutti.

Non sottovalutare il budget per il marketing, all’inizio sarà un’uscita importante.

Esistono diversi locali notturni, dalla discoteca vera e propria al disco pub, le tendenze degli ultimi anni sono cambiate, ti consiglio di non allontanarti dal centro storico.

Dopo il giusto giro vite su alcol e patente, avrai anche tu notato un vistoso calo delle discoteche tradizionali. Punta piuttosto su un piccolo locale nel centro storico dove creare un’atmosfera piacevole per i tuoi clienti.

Aprire un brewpub

Il mondo della birra artigianale ha vissuto un vero e proprio boom in tutta Italia. Non è un mistero che se avessi investito nel settore solo 20 anni fa oggi saresti ricco.

Il mercato una volta dominato dalle grandi birre industriali, oggi è composto da una miriade di piccoli birrifici artigianali e altrettanti pub dove gustare il prodotto.

In Italia i pub si sono evoluti da semplici locali dove poter bere birra a veri e propri laboratori artigianali dove la birra prodotta in loco è consumata direttamente.

Il brewpub ha pian piano cambiato la qualità dei locali italiani trasformandoli in maniera positiva seguendo la linea del nord europa.

Se hai intenzione di investire in brewpub, considera i costi elevati di avvio per i macchinari per la produzione di birra che tuttavia verranno ripagati dal maggior profitto.

Comprare birra dai birrifici artigianali infatti ha un costo maggiore rispetto alla produzione interna.

Aprire un fast food

A differenza del ristorante tradizionale dove l’investimento e l’esperienza necessaria sono maggiori, aprire un fast food ha un livello di accessibilità più ampia.

Nella ristorazione proprio questo settore ha vissuto la crescita maggiore.  I motivi derivano sia dagli imprenditori in cerca di attività più rapide da avviare e dai consumatori che hanno modificato in parte i propri stili di vita rivolgendosi a dei prodotti più veloci ed economici.

Il successo del fast food è dovuto anche alla sua grande versatilità e specificità che gli offre l’opportunità di rivolgersi a specifici segmenti del mercato.

Pensiamo al fast food vegetariano, o quello a Km zero, ogni fast food ha la capacità di raggiungere più velocemente il suo target di riferimento.

Aprire un locale mobile

Una variante del fast food è quello mobile fatto su van o veicoli modificati.

Dal classico camper modificato, si passa addirittura al mitico ape piaggio sempre più utilizzato per il fast food mobile.

Rispetto al locale tradizionale, un’attività mobile ha il vantaggio di poter ampliare il suo areale seguendo i principali eventi della vita locale.

Il problema principale si incontra nella sempre più forte concorrenza e quindi di spazi limitati.

Come promuovere il locale

Un locale per avere successo deve essere gestito in maniera impeccabile.

Tra tasse, burocrazia e concorrenza, non c’è spazio per l’improvvisazione.

Non starò qui a ripetere quanto l’unicità e la creatività siano importanti nella crescita del business.

Il famoso imprenditore americano Seth Godin avverte circa i pericoli di avviare un’attività non richiesta facendo riflettere molto sull’unicità.

Ha scritto decine di libri sull’argomento, ha sempre fatto leva sul vero bisogno e sulla reale necessità di una nuova azienda.

Fatti una domanda prima di iniziare: se la tua attività chiudesse, i tuoi clienti ne risentirebbero?

Se la risposta è no, continua a cercare.

Oggi promuovere un locale è più facile che in passato, ma alcune regole rimangono le stesse.

Il primo fattore di successo infatti è il passaparola, da sempre lo è stato e sempre lo sarà.

Quante volte avete speso i vostri soldi in un locale per un consiglio di un amico?

E quante volte non siete andati in altri locali per lo stesso motivo?

Non c’è promozione valida che tenga se il vostro locale non offre un’esperienza positiva per il cliente, il solo modo per sopravvivere sarebbe quello di avere il locale in Piazza San Marco a Venezia o davanti al Colosseo, ma anche lì subirete gli effetti di TripAdvisor.

Oggi viviamo nella società dell’informazione, tutte le attività sono ormai trasparenti, devi accettare la realtà e creare un locale che renda unica l’esperienza e che sia il cliente stesso a promuoverti.

Ma tutto questo ti serve nel tempo, nella fase iniziale il miglior modo per renderti visibile e promuoverti passa attraverso la rete.

Ho scritto decine e decine di articoli circa la visibilità online, pubblicità e produzione di contenuti, sono gratis e puoi leggerli navigando nel sito.

Per quanto riguarda un locale, il principale strumento di comunicazione rimane Facebook.

Grazie al social puoi lanciare delle campagne marketing geolocalizzate dirette ai clienti potenziali divisi per età, luogo, interessi e comportamenti.

E’ questo il segreto di Facebook, la montagna infinita di informazioni che possiede di noi che permettono alle aziende di profilare al massimo la propria pubblicità.

Avviare e gestire un locale: considerazioni finali

Quando scrivo questo genere di articoli penso sempre ai tanti soldi spesi inutilmente dai tanti imprenditori che si sono affidati solo al proprio istinto e non hanno accettato i propri limiti.

Bisogna sempre fermarsi a riflettere, bisogna chiedere a chi ci sta vicino cosa ne pensano, e mai fidarsi solo di se stessi e delle proprie convinzioni.

Aprire un locale di successo non è affatto facile, è difficile prevedere il futuro, e bisogna essere dei bravi osservatori.

Oggi la società è cambiata, bisogna adattarsi alle nuove abitudini della gente.

Un viaggio all’estero ti aiuterà, magari in qualche capitale europea, apri Tripadvisor e visita i migliori locali d’Europa, ritornerai a casa con idee e orizzonti nuovi, è proprio nella curiosità e nella voglia di scoprire che si nascondono le basi del successo.

Alessandro

Come aprire un locale e portarlo al successo imprenditoriale
Ti è piaciuto? Vota 5 stelle!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *