Creare un Blog aziendale: perché la tua azienda dovrebbe farlo

Ospito un intervento di Salvatore Dimartino, creatore del sito Impresasmarter.

In questo articolo Salvatore ci spiega la strategia migliore per creare un blog aziendale.

Buona lettura!!

Partiamo dal fatto che nell’attuale mercato il contenuto è re.

Proprio perché va ad educare o a stuzzicare il potenziale cliente che si immedesima nella lettura.

Un Blog aziendale sicuramente non è la prima e neanche l’ultima delle strategie marketing che un’azienda dovrebbe adottare, soprattutto se a monte non c’è un lavoro strategico e ancora peggio un modello di business sostenibile.

Per modello di business si intende appunto tutto ciò che riguarda il valore che la nostra azienda sta:

• trasmettendo, per un problema specifico al target ideale
• creando, attraverso le proprie risorse o attività
• valorizzando, attraverso attività che i competitor non fanno

Creare un Blog aziendale: A cosa servirebbe in sostanza

creare un blog aziendaleUn blog aziendale ha lo scopo appunto di completare quella che è chiamata strategia di acquisizione o fidelizzazione.

Diciamo che il marketing ha avuto diverse fasi, una delle fasi attuali che le aziende di successo usano è il Marketing PDE:

• Posizionamento, raggiungere il nostro target ideale
• Differenza, distinguersi dai concorrenti
• Educazione, guadagnarsi la fiducia e la stima del cliente

Ora se l’azienda ha ben chiaro il proprio posizionamento e lo ha ben chiaro anche il cliente a cui si rivolge, che conosce perfettamente le differenze del perché scegliere la vostra azienda o meno, la fase dell’educazione è quella più importante.

Educare il cliente significa fargli sapere, ancora prima di scegliere la nostra azienda e di acquistare da noi:

• A chi ci rivolgiamo
• Cosa risolviamo
• Perché dovresti sceglierci

Esistono però due differenti canali quanto dobbiamo decidere cosa scrivere, la comunicazione B2C e B2B:

Nel B2C, sostanzialmente andiamo a colpire una o massimo due persone a cui vendere il nostro prodotto o servizio, quindi è molto più “facile” avere l’attenzione e farlo decidere in un lasso breve di tempo.

Nel B2B, è più “complicato”, poiché si va a colpire un intero organigramma aziendale.

Quindi magari il nostro articolo viene letto da un responsabile dell’azienda che poi deve farlo leggere al suo capo settore o all’amministratore delegato, che a sua volta vuole il parere del suo socio o del suo presidente.

Come potete capire in quest’ultimo canale bisogna creare contenuti di vero valore, e quello che intendo sono proprio casi pratici, dimostrazioni, o case study che sono stati già risolti ai propri clienti.

Le aziende vogliono sempre tutto pronto, non hanno tempo da dedicare a qualcosa, perciò è importante sempre mostrargli il “succo” delle cose fatte e raccontare come loro potrebbero ottenere quel tipo di risultato.

Creare un Blog aziendale: la strategia

Ricapitolando:

• studiare a chi ci rivolgersi
• scrivere cosa gli andiamo a risolvere
• comunicare perché siamo differenti dagli altri

Quello che bisogna adesso fare, è stilare un Piano editoriale che possa essere proiettato nei mesi successivi, organizzare tutti i contenuti, le immagini, ma soprattutto andare a scrivere articoli che possano contenere un trend in crescita o una parola chiave che è molto ricercata, questo perché nel lungo periodo se il nostro blog viene letto da tante persone, potrebbe salire nelle ricerche di Google senza andare a fare diciamo un lavoro specifico di SEO, ma semplicemente andando a scrivere ciò che Google vorrebbe.

Esistono diversi strumenti per scrivere articoli con un buon livello SEO, plugin di WordPress che installati ci mostrano tutto ciò che deve essere fatto o che deve essere modificato sul nostro articolo.

Uno di questi che io raccomando è Yoast SEO.

Ottimo per chi vuole partire in piccolo senza una figura specialista SEO.

Ma di strumenti ne esistono a bizzeffe, pronti per essere installati tramite la libreria plugin di WordPress, in realtà quello che conta è che questi strumenti siano usati nel modo consono per portare il nostro cliente a:

• Lasciarci i propri dati ed essere inserito in una lista di Email Marketing
• Contattarci attraverso un form
• Essere reindirizzato in una pagina specifica attraverso una CTA (Call To Action)

Per fare questo consiglio di non improvvisarsi, se non si hanno basi di Lead Generation è sempre meglio o formarsi da zero o farlo seguire a chi è competente.

Creare un Blog aziendale: come procedere

  1. Studia i blog di tutta la concorrenza, questo ti permette di capire cosa gli altri scrivono già e quindi cosa potresti migliorare oppure ti permettere di capire quali articoli non sono stati trattati ma possono essere scritti perchè sono richiesti o possono davvero dare valore aggiunto al nostro cliente ideale
  2. Analizza i primi risultati, tramite sempre dei Plug-in puoi integrare Google Analytics per vedere quali siano i post più letti. Facendo questo puoi sia capire chi sono i clienti che vanno a finire sul tuo Blog, quindi provenienza, eta, sesso ecc. e sia capire per quali contenuti dovresti concentrarti affinché loro ritornino a leggere il tuo Blog o ad effettuare un’azione per entrare in contatto con vostra azienda.
  3. Aumenta il traffico, inizialmente scrivere tanto ti servirà a poco se il blog è nuovo o se il sito aziendale non è conosciuto, ma grazie a strumenti come Facebook ads, potrai condividere gli articoli sulla tua Pagina e sponsorizzarli continuamente con una spesa irrisoria, in modo tale da creare un primo traffico senza perdere altro tempo.

Creare un Blog aziendale: perché potrebbe aumentare le vendite

  • Creare un blog aziendale aumenterà l’autorevolezza dell’azienda rispetto al proprio settore
  • Creare un blog aziendale ti darà credibilità aumentando la fiducia dei potenziali clienti
  • Creare un blog online ti servirà per educare i clienti e soprattutto a selezionarli, poiché capiranno se il prodotto/servizio è adatto a loro o meno, evitando trattative che porterebbero sostanzialmente solo ad un NO.

Aumentare le vendite attraverso un Blog è possibile proprio perché è un ottimo strumento di comunicazione diretta ai potenziali clienti.

Tutti online cercano qualcosa ma soprattutto cercano la soluzione al proprio problema e sono disposti a pagare per risolvere o migliorare.

I contenuti del blog non devono essere mai casuali, ma devono parlare in modo diretto o indiretto del vostro prodotto/servizio quasi come se fosse scontato che il lettore debba approfondire o acquistare per soddisfare  in modo totale le proprie esigenze o richieste.

Creare un Blog aziendale fa parte del processo di Lead Nurturing, ovvero nutrimento del potenziale cliente, che ancora non ci conosce, non si fida e non sa se possiamo essergli utile con il nostro prodotto/servizio.

Una strategia di Lead Nurturing è efficace quando persegue i seguenti obiettivi:

  • Agevola il processo di Lead Generation.
  • Aumentare e migliorare la diffusione di un marchio o brand
  • Intercetta ed educa un traffico qualificato
  • Aumentare la credibilità e la fiducia nella mente dei potenziali clienti

Creare un blog aziendale e condividere i contenuti editoriali attraverso canali social, può essere in grado di aumentare l’engagement ed attrarre utenti interessati che possono diventare contatti “caldi” per l’azienda.

Con una strategia di Content Marketing (Contenuti pubblicati nel blog) nel breve periodo, si può arricchire il proprio database di utenti in target da nutrire man mano con altri contenuti di valore tramite Email Marketing, fino a spingerli alla vera e propria vendita attraverso una CTA o attraverso una OTO (One Time Offer) ovvero un’offerta irresistibile a basso investimento.

Ma questo è un discorso molto strategico, poiché l’azienda deve capire, in base al proprio modello di business, come creare dei sotto prodotti/servizi di front-end che possano far tastare al cliente i primi risultati per poi massimizzare i profitti con i prodotti/servizi principali dell’azienda.

Creare un Blog aziendale: Il segreto che farà decollare il Blog e l’azienda.

Esiste un processo fondamentale nella creazione da zero di un Blog aziendale, ovvero il processo di Brand Positioning.

La semplicità e la specializzazione premia sempre. La mente del cliente non deve mai andare per logica, ma per emozione.

Il prezzo da pagare per suscitare emozione o urgenza al nostro cliente e la strategia di Brand Positioning del nostro Blog, quindi in sostanza dobbiamo scegliere la propria nicchia e specializzare la comunicazione verso quella, verso e solo i problemi che quest’ultima ha o che cerca.

Le informazioni che la mente del cliente riesce a contenere sono limitate ed è per questo motivo che la nostra mente applica un filtro ai milioni di informazione che ogni giorno riceve o vede online o offline.

Per questo bisogna curare molto la comunicazione del Blog e la strategia dietro, con lo scopo di emergere tra migliaia e migliaia di contenuti online che circolano, migliori o meno dei nostri.

Il cliente compra l’azienda se l’azienda riesce a comprare il cliente, pagate questo prezzo adottando un’ottima strategia di Branding, evitando errori come pubblicizzare la ragione sociale, piuttosto divertitevi a creare un nuovo marchio che comunichi in sostanza e in una parola cosa fanno i vostri prodotti/servizi e lanciatelo!

Se vuoi creare un blog aziendale, leggi la guida ITS che ti spiega come fare.

Ti è piaciuto? Vota 5 stelle!!!

One Response

  1. Alberto Feb 21, 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *