Vivere in Portogallo. La guida per trovare lavoro in Portogallo.

Se hai deciso di vivere in Portogallo, devi prima leggere le informazioni qui di seguito.

Dove andare, cosa visitare, come e dove trovare lavoro oppure mettersi in proprio diventando un imprenditore.

Il Portogallo è un paese ancora tutto da scoprire sotto molti punti di vista.

Considerato uno dei Pigs Europei (noi gli facciamo compagnia non vi preoccupate), il Portogallo è un paese ancora pieno di opportunità per Italiani che vogliono investire nel paese.

Come per l’Italia, il Portogallo sta vivendo una crisi finanziaria pilotata da banche, Unione Europea e speculatori. Questo però non deve sfiduciarci preventivamente.

Metà turistica popolare e apprezzata, sede del famoso vino liquoroso Porto, questo paese ha tutte le potenzialità per riprendersi economicamente se lasciata in pace dalla finanza mondiale.

Vivere in Portogallo: la guida per trovare lavoro

Anche se all’inizio potrebbe sembrare impossibile trovare lavoro in Portogallo per via dell’ alto tasso di disoccupazione, ricorda che trovare lavoro o no dipende solo da te e dalle tue qualità.

Se tu hai delle qualità in più da offrire e porti ricchezza al tuo datore di lavoro, non c’è motivo valido per cui tu non sia assunto.

Ricorda questo è il motto del blog Aprire Azienda, mai arrendersi, mai.

Ricorda di pensare sempre controcorrente dalla folla, crearsi la propria nicchia o piccola fetta di mercato non è impossibile.

Difficile, non impossibile non dimenticarlo mai.

L’ importante è seguire le proprie passioni.

Dove vivere in Portogallo

vivere-in-portogalloNon avendo vincoli di visto, i cittadini Europei hanno piena libertà di movimento (non dimenticatevi il documento di riconoscimento!!).

Se intendi stabilirti definitivamente in Portogallo o rimanere per un periodo superiore ai tre mesi, recati presso il Serviço de Estrangeiros e Fronteiras (SEF) (sito in inglese e Portoghese).

Come cittadino Europeo, non hai bisogno di nessun visto, devi solo comunicare all’ Ufficio SEF la tua presenza e ottenere un Certificado de registo de cidadao da uniao Europeia.

Se ancora non hai deciso dove vivere in Portogallo, davanti a te hai un’ampia scelta.

Se ami la città e il movimento, il  dubbio sarà principalmente tra Lisbona (500.000 abitanti), Vila Nova de Gaia (300.ooo ab.), Porto (240.000 ab.), Braga (170.000 ab.), Amadora (150.000 ab.), Coimbra (138.000 ab.), Setubal (120.000), Queluz (116.000 ab.), Funchal (Isola Maderia, 100.000 ab.), Almada (100.000).

Anche se molte città hanno parecchi abitanti, non fartii ingannare perché la vita notturna sarà comunque ben differente dalla capitale Lisbona.

Queste sono solo le maggiori città Portoghesi, quindi come vedi la scelta non è solo fra le due città più famose Porto o Lisbona.

Se invece ami la tranquillità, una miridiade di cittadine costiere potrebbero diventare la tua casa come Aveiro (70.ooo ab.), Vina do castelo (70.000 ab.), Póvoa de Varzim (60.000 ab.),Faro (58.000 ab.), Portimão, (44.000 ab.), Peniche (27.000 ab.), Lagos (8.000 ab.).

Come vedi la scelta è ampia basta solo decidere.

Ricorda prima di trasferirti definitivamente, effettua un paio di viaggi esplorativi per testare il terreno e vedere se lo stile di vita e le possibilità di lavoro sono accettabili.

Economia e mercato del lavoro in Portogallo

Il Global Competitiveness Report (GCR) redatto dal Forum Economico Mondiale piazza il Portogallo al 49 posto su 144 nazioni, come nazione competitiva.

Questo report indica e valuta la capacità di un paese di provvedere un alto livello di prosperità ai suoi cittadini (Italia 42° posizione).

Questo indica una nazione che, seppur lontano dalle prime posizioni (occupate da Svizzera, Singapore, Finlandia), non è poi cosi diverso dal nostro paese.

Il nostro essere stranieri può facilmente aprire delle nicchie di mercato precluse ai locali in cerca di lavoro.

L’economia portoghese è abbastanza variegata e coinvolge molti settori come l’agricoltura, la pesca, il vino, il turismo, indistria chimica, farmaceutica, elettronica, plastica e petrolchimica.

Anche se ad un primo sguardo la situazione sembrerebbe florida, in realtà negli ultimi anni il tasso di disoccupazione è gradualmente salito, dal 7% iniziale fino ai livelli sconcertanti attuali del 17%, posizionandola nelle prime posizioni Europee per tasso di disoccupazione.

Se la crisi colpisce i settori storici come il manifatturiero e le grandi industrie, il settore dei servizi e del turismo è ancora in grado di fornire nuove opportunità per chi possiede le qualità necessarie a lavorare in questi settori.

Il costo della vita in Portogallo è considerevolmente aumentato negli ultimi anni, sopratutto nelle grandi città, anche se è al di sotto dell media Europea.

Anche il livello dei salari è generalmente inferiore, infatti la paga media è di circa 800 Euro mensili. Tuttavia molti beni come cibo, alcol e affitti rimangono comunque bassi al di fuori dei centri storici delle grandi città come Lisbona e Porto. Una vita semplice senza lussi e superfluo si aggira intorno ai 1000 Euro mensili per una coppia.

Per chi è alla ricerca di lavoro, un ottimo Inglese e Portoghese, insieme all’ Italiano e possibilmente un’ altra lingua è molto di aiuto sopratutto per lavorare nel turismo.

Gli annunci di lavoro possono essere trovati nei seguenti portali:

  1. Trabalhorapido
  2. Emprego.mitula
  3. Olx
  4. Workaway
  5. Sito Europeo con diversi siti e risorse
  6. Jobbydoo.com.br

Non aspettarti la facilità e l’aiuto che puoi trovare in nazioni come il Nord Europa però ricorda con un’ ottima preparazione e pianificazione niente è impossibile.

Un buon punto di partenza per la ricerca del lavoro è contattare l’ ufficio di collocamento (centro de emprego) presente in quasi tutte le città.

Comunque alla fine dell’ articolo, trovi una serie di suggerimenti per trovare lavoro e metterti in proprio.

Un consiglio, il miglior modo per beneficiare al massimo della tua vita in Portogallo è quello di crearti un’attività online indipendente così da avere massima libertà di scelta e movimento.

Per sapere come fare, leggi la guida ITS Idea Traffico Soldi.

Investire in Portogallo

Dimenticati l’efficenza Scandinava e la puntualità Inglese qui siamo in Portogallo. Definita da alcuni un nightmare (incubo), il Portogallo purtroppo non è famoso per efficienza e snellezza della burocrazia (vi ricorda qualcuno?).

Detto ciò, alcuni si aspetterebbero di trovare il Portogallo alla fine della classifica mondiale per facilità di Business redatta dalla Banca Mondiale. Invece, sorprendentemente, il Portogallo occupa la 30° posizione. Ok, non è Singapore (1° posizione) però neanche l’ Italia (74° posizione).

Il consiglio che do sempre a tutti, qualsiasi nazione state prendendo in considerazione, è quello di conoscere molto bene la lingua locale e provare lo stile di vita se è adatto per voi.

Se la tua vita straniera ti piace, nessun ostacolo è insormontabile.

Se invece, la tua vita privata non è delle migliori, anche se l’idea imprenditoriale è vincente, è molto facile che la sfiducia prenda il sopravvento.

Amici, famiglia, vita sociale sono i pilastri per un creare un business. Essere felici dove si vive è l’arma vincente per creare un business di successo.

Il punto di partenza per chi vuole investire e vivere in Portogallo è sicuramente la camera di commercio e il municipio.

Seguendo il link su come mettersi in proprio in Portogallo, troverai tutte le forme giuridiche disponibili.

Vivere in Portogallo. Svantaggi

Siamo arrivati alla nota dolente degli svantaggi di vivere in Portogallo. Questa lista è del tutto personale e aperta a discussioni e cambiamenti futuri.

Per onor di cronaca sul mio blog Aprire Azienda cercherò di essere il più obiettivo possibile. Se hai esperienze dirette sul Portogallo, ti sprono a riportare la tua esperienza, contattandomi ti darò lo spazio che meriti. La lista:

  1. Basso livello dei salari
  2. Alto tasso di disoccupazione
  3. Povertà in aumento
  4. Burocrazia snervante
  5. Pronuncia del Portoghese non sempre di facile comprensione
  6. ………

Vivere in Portogallo. Vantaggi

Anche se non è tutto oro ciò che luccica, ecco la mia personalissima lista dei vantaggi di vivere in Portogallo.

  1. Ottimo clima temperato
  2. Distanza accettabile dall’ Italia
  3. Ottimo cibo
  4. Molti Portoghesi sono ospitali e accoglienti
  5. Lingua simile alla nostra
  6. Possibilità di creare impresa per un Italiano
  7. Bellissime spiaggie e città
  8. ….

Suggerimenti per vivere in Portogallo

Anche se a prima vista può sembrare un’ impresa trovare lavoro o diventare autonomi in Portogallo, io credo che nei settori giusti e con il giusto approccio è ancora possibile vivere in Portogallo. Questi i miei suggerimenti:

  1. Punta sulle lingue straniere
  2. Non sottovalutare le tue doti culinarie è un ottimo sbocco professionale
  3. Possibilità di sfruttare la nostra Italianità, esempio importando cibo o altri prodotti
  4. Sfrutta le bellezze locali per crearti un’ impresa. Come? Ad esempio diventa guida turistica per i turisti Italiani
  5. Valuta le città minori per un eventuale investimento
  6. Vivi un periodo di prova prima di qualsiasi esperimento e non fidarti del primo locale che conosci.
  7. Tessere una buona rete di conoscenze
  8. Pianifica con cura e stabilisci un buon rapporto con le autorità locali

Se hai qualcosa da aggiungere non porti problemi a commentare con i tuoi suggerimenti o esperienze. Se trovi utile la guida sul vivere in Portogallo, ti chiedo gentilmente di condividerla sui social network e se vuoi continuare a scoprire le altre guide sugli altri paesi, aggiungiti alla pagina Facebook. Sarà un segno di apprezzamento.

Boa Sorte per la tua vita in Portogallo.

Vivere in Portogallo. La guida per trovare lavoro in Portogallo.
4 (80%) 17 votes

Commenti e articoli correlati

  1. Roberto 2014-06-03
  2. Alessandro 2014-06-27
    • girolamo 2016-09-16
    • Ovidiu 2016-10-03
    • Nadia 2017-01-22
  3. francesca 2014-08-20
  4. ariannna 2014-08-28
  5. gennaro 2014-10-22
  6. claudio 2014-10-28
  7. arianna 2014-11-12
  8. arianna 2014-11-12
    • Riccardo 2017-03-20
  9. Ross 2015-01-22
  10. Andrea 2015-03-17
    • Alessandro 2015-03-17
  11. Davide 2015-03-25
    • Alessandro 2015-03-25
  12. marco 2015-05-21
    • Alessandro 2015-05-21
    • Maristella 2017-09-19
  13. Vittoria 2015-06-22
  14. Floriano 2015-08-11
  15. valeria 2015-08-20
    • Gabriella 2016-03-28
  16. pacifico pantarelli 2015-10-21
  17. Ugo Guerrazzi 2015-11-08
  18. Salamon Michele 2015-11-14
    • Alessandro 2015-11-16
  19. Roberto 2015-12-02
    • Emauele 2016-01-05
  20. GENNARO 2016-02-16
  21. Anna 2016-03-14
    • Alessandro 2016-03-15
    • GRAZIANO BIDDOCCU 2016-11-11
    • Francesca Turchetto 2017-06-18
  22. COMPAGNO DANILO 2016-03-15
  23. Alfonso 2016-05-01
    • Alessandro 2016-05-02
    • Rossella 2016-09-22
  24. Valentina 2016-05-07
  25. Alessandro 2016-05-15
  26. Burton 2016-06-06
  27. Flavia 2016-06-06
    • violetta 2016-12-30
  28. Otto Kramer 2016-06-18
  29. franco 2016-07-10
  30. Giovanni 2016-09-05
  31. Giovanni 2016-09-05
  32. fortunato giannone 2016-09-12
  33. Luca La Rocca 2016-09-15
    • Alessandro 2016-09-16
  34. girolamo 2016-09-16
  35. marco 2016-10-04
  36. Liana 2016-10-04
  37. Rosanna 2016-10-08
  38. claudio 2016-10-25
  39. Michela 2016-10-27
  40. Carmine 2016-11-19
  41. Marco Beltrame 2016-11-22
  42. Manuela 2016-12-26
  43. violetta 2016-12-30
  44. Roberto 2017-01-17
  45. Massimiliano 2017-01-18
  46. Marco Bonifacio 2017-01-22
    • Julian 2017-01-29
  47. Michele 2017-02-12
  48. gustavo 2017-04-03
  49. gustavo 2017-04-03
  50. vittorio 2017-04-22
  51. Lisa 2017-05-07
  52. Luigi Pierro 2017-06-15
    • Alessandro Alessandro 2017-06-15
      • Luigi Pierro 2017-06-16
  53. Andrea 2017-06-30
  54. Alessandro Zingaropoli 2017-07-13
  55. Francesco 2017-07-23
  56. Andrea 2017-08-17
    • Alessandro Alessandro 2017-08-21
  57. beatrice 2017-08-28
  58. nino Mennella 2017-09-20
  59. Giovanni 2017-11-09
  60. Marco 2017-11-30

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *